Passeggiata nei quartieri della Zona 9 di Milano

pubblicato il .

Prefazione per il libro "Passeggiata nei quartieri di Milano" di Aldo Bartoli.

Ancora una volta Aldo Bartoli ci regala un libro che aiuta alla comprensione e alla riflessione. Che parla del "suo territorio" e dei "suoi quartieri" ma contemporaneamente racconta Milano, le sue storie e le sue trasformazioni.
Mentre parliamo di area metropolitana, di grande Milano, l'autore ci ricorda che ci sono valori che non vanno né persi ne dimenticati, che la Milano di oggi non è un agglomerato urbano indistinto ma che in essa convivono storie, realtà e tradizioni diverse, che c'è una memoria che non va dispersa e senza la quale non si capisce perché Milano è questa. Una grande città che non si esaurisce in un rapporto tradizionale tra centro e periferie. In cui i quartieri più lontani dal centro in realtà erano Comuni che hanno mantenuto tante loro caratteristiche e identità proprie, che non possono essere ridotte in una idea di marginalità a cui spesso la parola periferia richiama.
Guardiamo al futuro, stiamo realizzando la città di Expo, tutto cambia rapidamente, ma è importante ricordare che in essa ci sono questi quartieri, con le loro specificità e i loro caratteri, che vanno protetti e non cancellati tentando di omologarli. L'autore ci racconta la storia di alcuni di questi quartieri, i suoi quartieri, quelli che ha studiato e, soprattutto, vissuto.

Pisapia sbaglia a scendere in campo

pubblicato il .

Leggo le dichiarazioni di Pisapia in merito ai candidati alle primarie e penso che sarebbe stato meglio se l'arbitro non fosse sceso in campo e avesse garantito primarie libere e aperte. L'arbitro, invece, ha deciso di scendere in campo ed è sbagliato, ma trasformare come si è fatto oggi, le primarie milanesi in un confronto nazionale è la negazione di tutto ciò che lo stesso Pisapia ha sostenuto fino a oggi.
Lanciare il messaggio 'tutti contro Sala' significa non avere argomenti in positivo ed èil contrario di primarie libere e aperte. Pisapia e Boeri rischiano così di avvelenare il clima e di non parlare di Milano e delle proposte del centrosinistra per la città. Noi continueremo a parlare di Milano e dei prossimi 5 anni.

Destra disperata attacca Sala perché è senza proposte

pubblicato il .

La destra disperata a Milano cerca con i suoi giornali di inquinare le primarie, cercando di delegittimare Beppe Sala con polemiche sproporzionate rispetto ai fatti reali.
Alimentando polemiche sterili si sta cercando di oscurare il successo di Expo testimoniato, oltre che dalla riuscita straordinaria e imprevedibile dell’evento, anche dai dati di bilancio presentati in questi giorni. Non si illudano Berlusconi e i suoi: il popolo del centrosinistra darà loro l’ennesima lezione di democrazia, responsabilità e partecipazione, senza farsi condizionare da loro e dal fango che si stanno dedicando a spargere.

Sala è una grande opportunità per il centrosinistra e Milano

pubblicato il .

Intervento svolto a Radio Lombardia (video)

Credo che la candidatura di Giuseppe Sala possa essere una grande opportunità per il centrosinistra e per la città di Milano. Ad oggi stiamo discutendo ancora di un’ipotesi perché, giustamente, Sala chiede di non dare per scontata la sua presenza. In ogni caso, quando ci saranno le primarie del centrosinistra, Sala potrà essere un valore aggiunto straordinario. Non credo che Sala possa essere anche il candidato del centrodestra, che oltretutto come coalizione è anche molto in difficoltà, ma non penso neanche che il centrosinistra abbia già vinto le elezioni a Milano.
Chi vive questa città non può dire che Milano non sia cambiata. Chiunque viene a Milano se ne accorge dei cambiamenti di questi ultimi anni e non solo per i progetti partiti con questa amministrazione ma questa amministrazione li ha gestite. Ci sono Porta Nuova, la Fondazione Prada, la Darsena ristrutturata: Milano è rifiorita dal punto di vista urbanistico, il centro di Milano popolato ogni giorno da migliaia di persone; ci sono eventi continui, sono stati aperti nuovi musei. L’Area C che, inizialmente, tante persone vedevano come una cosa terribile, ha diminuito fortemente il traffico in città.