Sulle Olimpiadi il Coni ha deciso di non decidere

pubblicato il .

Alla fine il Coni ha deciso di non decidere, ha subito le pressioni politiche delle forze di Governo e così oggi la candidatura italiana per le Olimpiadi nasce in un quadro che rischia di essere di incertezza e di confusione.
Condividiamo con il Sindaco di Milano l'idea che sarebbe stato molto più opportuno decidere un capofila che fosse in grado di dare forza ad una candidatura, la quale senza una governance chiara rischia invece di essere di difficile gestione.

Ricetta Milano è un segno di speranza

pubblicato il .

Dopo due settimane tristi, di parole e gesti disumani, di intolleranza e voglia di cercare il nemico, le diecimila persone di decine di etnie diverse e le tante famiglie italiane che oggi si sono mescolate ai tavoli allestiti al Parco Sempione a Milano per il pranzo di "Insieme Senza Muri" sono un segno di speranza e rappresentano un mondo migliore di quello che vuole costruire - o meglio, distruggere - Matteo Salvini.



Cllicare sull'immagine per ingrandire

L'apertura del Teatro del Beccaria è una nuova opportunità per Milano

pubblicato il .

Sono stato al Teatro del Beccaria dove la compagnia del Piccolo Teatro di Milano ha presentato "Arlecchino servitore di due padroni".
Bellissima rappresentazione, intelligente e di grande livello, come solo Giorgio Strehler sapeva fare. Ma su tutto prevale l'orgoglio di vedere finalmente aperto alla città il Teatro del Beccaria.
Grazie alla testardaggine di Lisa e Beppe, a Punto Zero, alla Fondazione Marazzina, a don Gino Rigoldi e al contributo del Piccolo, della Scala e delle istituzioni milanesi e non, Milano ha un nuovo teatro.
È stata aperta la porta per accedervi dall'esterno e ristrutturata la sala: si è creata una nuova opportunità per la città ma soprattutto per i ragazzi ospiti del Beccaria.
Una bella cosa!

La solidarietà attorno alla Caserma Montello infastidisce gli xenofobi

pubblicato il .

Leggo su Repubblica.it che Otello Ruggeri, esponente milanese di Forza Italia, membro del 'dipartimento regionale Sicurezza e periferie' del partito, ha commentato su Facebook la festa che si è svolta sabato alla caserma Montello, dove sono ospitati i profughi, con gli alunni di una scuola media della zona, scrivendo che invece di "Bella Ciao", i bambini avrebbero dovuto cantare "Faccetta Nera".
Credo che quello di Ruggeri non solo sia un gesto idiota, indegno di chi vuole rappresentare le istituzioni democratiche ma, soprattutto, conferma il fastidio che dà ai novelli xenofobi il fatto che attorno al centro della caserma Montello ci sia solidarietà e accoglienza e non odio e paura.