Il referendum della Lombardia non c'entra con le tasse

pubblicato il .

Intervento a SkyTg24.

Il referendum svolto in Regione Lombardia non ha nulla a che fare con la possibilità di ridurre le tasse ai cittadini. È un ragionamento che riguarda l’efficienza amministrativa: si è votato per chiedere l’attribuzione alla Regione di maggiori competenze ed è evidente che queste non possono essere attribute senza i soldi per svolgerle ma non c’entra nulla con l’abbassamento delle tasse. L’Emilia Romagna è stata la prima Regione ad attivarsi per siglare un protocollo di intesa con il Governo per avere delle maggiori competenze. Sono contento che in questo non sia più sola perché anche altre Regioni si stanno attivando, anche senza fare il referendum.
Il federalismo, comunque, è previsto dalla Riforma del Titolo V della Costituzione fatta dal centrosinistra, non è quindi una cosa estranea ai nostri percorsi. La divisione, infatti, non è stata sulla richiesta di autonomia ma sul referendum, essendo già tutti i sindaci e tutte le forze politiche d’accordo, non si è capito perché non si è voluto fare come in Emilia Romagna.


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive