Expo: la conferma degli appalti fa sperare che i PM siano intervenuti in tempo

pubblicato il .

L'audizione del commissario di governo Giuseppe Sala da una parte ha ribadito l'utilità e l'efficacia dei protocolli messi in atto per impedire le infiltrazioni mafiose nella realizzazione di Expo, dall'altra ha confermato che le norme contro la criminalità organizzata non sono sufficienti per evitare la corruzione, ma servono interventi significativi sulla disciplina degli appalti pubblici.
Occorre mettere nell'agenda parlamentare, al più presto, una modifica legislativa che impedisca la possibilità di spacchettare gli appalti per evitare le procedure pubbliche e impedire la partecipazione ai bandi di chi è stato più volte condannato per corruzione e concussione. Il fatto che la magistratura non abbia bloccato nessuno degli appalti stipulati in questi mesi per Expo, come Sala ha confermato, è un buon segnale per il futuro della manifestazione e fa sperare che i PM siano intervenuti in tempo per impedire che i progetti criminosi della "cupola" si concretizzassero.

Video del servizio di Rai Tg Parlamento sulla vicenda»

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive