Sospesa l’Imu anche per le case popolari e le cooperative

pubblicato il .

Intervista per il periodico "ABITARE" Il senatore Mirabelli esprime la sua soddisfazione: “è stata fatta giustizia: questi immobili ora considerati come prime case”.  Tutti conoscono le vicende delle ultime elezioni e il peso che ha avuto la proposta di abolizione della tassa sulla casa sul risultato elettorale. Il Governo Letta ha dovuto fare i conti con le proposte di coloro che prima delle elezioni erano i suoi avversari e con loro ha negoziato una sospensione dell’Imu sulla prima casa. L’Imu è stata un’invenzione del governo Berlusconi che l’ha proposta e approvata ma che poi è stata resa esecutiva dal suo successore, Monti.
E subito ci si è resi conto di un errore madornale, che da un governo di tecnici non ci si sarebbe mai aspettato. Gli abitanti delle case popolari o delle cooperative a proprietà indivisa, pur non essendo proprietari di nessuna abitazione, si vedevano addebitare dalla proprietà (l’Aler o cooperative) l’equivalente dell’Imu, con alcune assurde aggravanti: le detrazioni che spettavano al proprietari di prime case non venivano loro riconosciute e inoltre, visto che sulla bolletta la tassa veniva loro ribaltata sotto la voce “spese”, su questa si doveva pure pagare l’Iva.

Gli effetti della crisi di Regione Lombardia sui piani edilizi

pubblicato il .

Intervista a Franco Mirabelli di Sergio Ghittoni per la rivista Abitare nei Quartieri di dicembre.

Il nostro Paese sta vivendo un momento particolarmente critico. Anni di crisi, che va peggiorando anziché risolversi, sacrifici, declino, insicurezza... La politica che non sembra più in grado di dare risposte, gli scandali, le ruberie, le corruzioni. Un ciclo, quello degli ultimi vent’anni di governo, che sembra essere definitivamente tramontato, sia a Roma che in Lombardia e che nel suo crollo porta con sé anche un modo di fare e pensare la politica che con le sue prepotenze e i suoi sprechi non è mai stato tollerabile, ma che con la crisi economica e la necessità di sacrifici straordinari è diventato ancor più odioso e insopportabile.

La Regione autorizza il Comune di Milano a non applicare gli aumenti agli inquilini delle case a equo canone

pubblicato il .

L’assessore alla casa della Regione Lombardia Domenico Zambetti scriverà al comune di Milano e agli altri comuni interessati di fatto autorizzando a non applicare, fino alla scadenza dei contratti, la legge regionale che prevede aumenti consistenti dei canoni per 3900 famiglie assegnatarie di case del demanio comunale con contratto a equo canone. Così si e impegnato a fare rispondendo alla nostra interrogazione che chiedeva una modifica della legge che permettesse agli inquilini in queste condizioni di decidere alla scadenza del contratto in essere di scegliere tra il nuovo contratto secondo i dettami della legge e il canone moderato.
Cosi l'assessore ha dichiarato la propria disponibilità a intervenire in tal senso, pur senza modifiche di legge.Siamo soddisfatti perché tanti, soprattutto in un momento di crisi come questo, avrebbero avuto molti problemi a sostenere canoni molto più alti. La nostra iniziativa e quella del comune di Milano hanno convinto l’assessorato, di cui apprezziamo la disponibilità, a provvedere con un atto concreto, che può ridare serenità a tante famiglie garantendo loro un trattamento equo.

Dimezzata l'IMU per Aler e Proprietà Indivisa

pubblicato il .

Grazie all’impegno di tanti e alla mobilitazione di queste settimane si è ottenuto un risultato importante e positivo a proposito dell’IMU per chi vive in una casa a proprietà indivisa (10mila persone solo a Milano di cui buona parte nella nostra zona) e per le case Aler.
 
In un primo tempo il governo, nel  decreto che reintroduceva l’imposta sulla casa, aveva considerato le case in cooperativa a proprietà indivisa e le case Aler alla stregua di abitazioni secondarie, applicando quindi l’aliquota dello 0,76% anziché lo 0,46%. Facendo ciò si trascurava non solo la funzione sociale di Aler e cooperative a proprietà indivisa, uniche opportunità per avere case in affitto a canoni contenuti ed accessibili, ma anche il fatto che per avere un appartamento in proprietà indivisa occorre risiedere lì e che quindi quella è necessariamente l’abitazione principale e che con l’Imu così alta le Aler e i comuni proprietari avrebbero dovuto togliere risorse per le manutenzioni e le gestioni per pagare la nuova tassa.
Grazie alla mobilitazione di molti e come richiesto dall’ordine del giorno presentato dal PD ed approvato in Regione Lombardia, il 24 aprile è stato approvata la legge sulla semplificazione fiscale che introduce importanti correttivi e risolve le due questioni. In sintesi il Governo, pur continuando a considerare in entrambi i casi ai fini del calcolo dell’Imu le case aler e a proprietà indivisa come seconde abitazioni mantenendo l’aliquota del lo 0,76%, rinuncia al 50% degli introiti che sono di spettanza dello stato, in questo modo l’aliquota base si dimezza e il gettito va interamente ai comuni. In pratica per queste abitazioni si parte dallo 0,38%.
 
Al di là del principio che vorrebbe che queste tipologie abitative fossero considerate a tutti gli effetti abitazioni principali e che continua a non essere riconosciuto, dal punto di vista concreto si è raggiunto un risultato importante che evita, in una fase già tanto difficile, ulteriori aggravi per le famiglie interessate. Fissata di fatto l’aliquota base allo 0,38% sarà il Comune a dover decidere quanto concretamente tassare queste case e credo che questo possa significare o, meglio, debba significare, far pagare alle Aler  e a chi abita in affitto in cooperativa ciò che pagano per la prima casa tutti gli altri. L’altra buona notizia riguarda il fatto che sia la detrazione per la prima casa di 200 euro  sia quelle previste di 50% per i figli a carico saranno applicate  anche per la proprietà indivisa.