Casa: per dare sostegno abbiamo istituito due fondi

pubblicato il .

Per fronteggiare il problema dell'emergenza abitativa e dare risposte a chi non le ha, abbiamo istituito due fondi che non c'erano più, uno sul sostegno affitti e uno sulla morosità incolpevole e a ognuno abbiamo assegnato fondi per 200 milioni. Oggi c'è un problema rispetto agli sfratti per finta locazione, serve rapidamente mettere questi soldi a disposizione dei Comuni. Stiamo facendo una battaglia anche con il Governo perché questi soldi vengano dati alle aree metropolitane senza passare dalle Regioni e per velocizzare. Così come per quei 400 milioni che per la prima volta si sono messi a disposizione degli enti proprietari di edilizia residenziale pubblica per garantire la risistemazione degli alloggi in tempi rapidi, facendo manutenzioni che non vengono fatte per via delle condizioni critiche, vedi il buco di 500 milioni di euro di Aler e Regione Lombardia come scritto nella locandina dell'iniziativa "La casa alle persone oneste" promossa dal PD Milano. Adesso serve che la Regione faccia il suo, occorre che la Regione destini soldi anche per affrontare questa situazione di emergenza.

Emergenza sfratti: nessuno deve rimanere in mezzo alla strada

pubblicato il .

Intervista pubblicata da Affaritaliani.

Senatore Franco Mirabelli, il governo ha deciso di non prorogare il blocco degli sfratti. Gli assessori alla casa delle grandi città sono insorti. Intanto a Milano l’emergenza abitativa è sempre più forte…
Vorrei fare una premessa. Il governo ha deciso di non prorogare il blocco degli sfratti che andava avanti dal 2007. Tuttavia questo blocco non riguardava tutti gli sfratti, ma solo la parte più debole degli affittuari. Questo deve essere chiaro: non venivano bloccati tutti gli sfratti, che in questi anni viceversa sono aumentati, ma solo quelli a carico delle fasce più deboli, gli over 65 a basso reddito o disabilità. Stiamo parlando di migliaia di famiglie.
Che adesso rischiano di essere sfrattate.
Esatto. Che adesso rischiano di essere sfrattate.
Quindi è contro il governo?
Non sono contro il governo. Il governo ha fatto una scelta legittima, nell’interesse degli inquilini e di chi affitta casa. Ma è giusto l’allarme degli assessori dei grandi comuni, per i quali il rischio di lasciare migliaia di persone in mezzo alla strada è concretissimo.

Emergenza sfratti, Lupi venga in commissione al Senato

pubblicato il .

Il Pd ha avanzato la richiesta in Commissione Ambiente di poter ascoltare il Ministro Lupi sulla questione degli sfratti. Governo e Parlamento hanno già adottato misure di politica abitativa, ma serve tempo per vederne gli effetti.
La scelta del governo, nel recente decreto, di non prorogare ulteriormente l'esecuzione degli sfratti per finita locazione apre evidentemente un problema che riguarda decine di migliaia di famiglie che rischiano concretamente di perdere l'alloggio, restando senza alternative. Nella situazione attuale, senza interventi, l'esecuzione degli sfratti comporterebbe un ulteriore aggravamento dell'emergenza abitativa e lascerebbe ai comuni la gestione di una situazione socialmente insostenibile.
Le importanti misure adottate da Governo e Parlamento con la legge sull'emergenza abitativa, il rifinanziamento dei fondi per la morosità incolpevole e per il sostegno affitti hanno bisogno di tempo per produrre effetti e nella situazione attuale non consentirebbero di salvaguardare le famiglie più deboli di fronte agli sfratti. La proroga ulteriore di tutti gli sfratti per finita locazione può non essere la soluzione, ma è chiaro che servono interventi per tutelare le famiglie in questa condizione.

Infondate le notizie sull’attenuazione del reato di occupazione abusiva

pubblicato il .

Non c'è nessuna volontà, né nessun atto che giustifichi la notizia secondo la quale, con i decreti attuativi della legge sull'emergenza abitativa, si starebbe derubricando a illecito amministrativo il reato penale di occupazione abusiva.
Non risulta nessuna volontà del Ministero delle Infrastrutture di avvallare una scelta di questo genere, che sarebbe contraria al principio del rigore che ha ispirato le norme introdotte nella legge per prevenire efficacemente le occupazioni abusive. Ricordo alla Lega e a Fratelli d'Italia che, mentre noi venivamo contestati nelle piazze per aver sostenuto una legge che impedisce di riconoscere la residenza e consentire gli allacciamenti agli inquilini abusivi, loro votavano contro.