Abitare, esperienze a confronto

pubblicato il .

Intervento svolto a Genova, dopo un giro dei quartieri popolari della città.

Il giro dei quartieri popolari che abbiamo fatto a Genova, così come i molti fatti nella realtà milanese e lombarda per tanti anni, è stato utile per avere un quadro della situazione e per capire i problemi dell’edilizia residenziale pubblica non sono nella città di Genova ma più in generale nelle grandi città delle Regioni del Nord.
Dal giro fatto a Genova è emerso ciò che avviene anche in molti altri quartieri popolari e cioè che vi è un patrimonio abitativo di edilizia residenziale pubblica molto degradato perché non ha avuto le manutenzioni che avrebbe dovuto avere per incapacità gestionali ma, soprattutto, per mancanza di fondi.
Questo ha prodotto situazioni molto difficili per molti abitanti e addirittura drammatiche per alcuni e pone il problema di come intervenire. Molte delle situazioni che abbiamo visto, infatti, necessitano di interventi significativi e poi vi è anche l’esigenza di prestare attenzione ai temi della sicurezza, della lotta all’abusivismo e di una risposta che deve essere sempre più efficace alla domanda abitativa che c’è, anche per ridurre le liste di attesa.

Casa, attivare le misure per l'emergenza a Milano

pubblicato il .

Ho incontrato il Prefetto di Milano in merito alla prossima scadenza della sospensione degli sfratti dovuti alla morosità incolpevole.
In seguito alle notizie diffuse dal Comune di Milano sulla indisponibilità verificata da parte dei proprietari di abitazioni a confermare i contratti, a fronte di una garanzia da parte del Pubblico, alle persone che sono state morose per aver perso il lavoro o per sopravvenute difficoltà economiche, abbiamo, infatti, chiesto al Prefetto di convocare le parti per garantire che nessuna di queste famiglie sfrattate per morosità incolpevole resti in strada e venga consentito loro il passaggio da casa a casa.
Si tratta di attivare tutte le iniziative necessarie per utilizzare il milione e mezzo di euro del Fondo per la morosità incolpevole destinato a Milano e che deve servire a trovare soluzioni abitative per questi casi.
Questa è la strada per evitare ulteriori sofferenze a chi ha perso il lavoro, e che oggi non deve restare anche senza casa, e per utilizzare al meglio gli strumenti e le risorse che il Governo ha messo a disposizione per far fronte a questi effetti della crisi.

La casa e la Legge di Stabilità

pubblicato il .

In queste settimane, in sede di discussione della Legge di Stabilità 2016, il Governo ha già chiarito che saranno diversi gli interventi che riguardano la casa e che saranno volti soprattutto a ridurre il carico fiscale e incentivare la ripresa di un settore, decisivo per la nostra economia e per la costruzione di nuovi posti di lavoro, come quello dell'edilizia.
I dati registrati in questi ultimi mesi che parlano di un Prodotto Interno Lordo che è tornato a crescere per due trimestri consecutivi dopo che per tredici la nostra economia aveva perso posizioni.
A partire da questo, il Governo ha deciso di aumentare le aspettative di crescita potendo così investire più soldi per la crescita.
Ma ci sono altri dati positivi di queste settimane dall'aumento della produzione industriale alla crescita dei consumi interni, dall'aumento delle esportazioni all'aumento di oltre l'80% dei mutui rispetto allo scorso anno.

Le nuove politiche abitative

pubblicato il .

Interventi svolti alla Festa PD a Genova (video).

Il tema delle politiche abitative è spesso rimasto ai margini del dibattito politico, invece, per molte persone è di importanza primaria.
Provo, quindi, a riassumere ciò che abbiamo fatto in Parlamento su questo tema.
Lo scorso anno, infatti, abbiamo fatto una legge per far fronte all’emergenza sociale che si è verificata sul tema dell’abitare che, a mio avviso, è molto significativa e forse non è stata sufficientemente comunicata.
La legge, al di là del titolo che richiama l’emergenza abitativa, è riconosciuta da tutti i soggetti del settore (Sindacati, Cooperative, Federcasa ecc.) come la prima normativa, dopo l’abolizione dei fondi Gescal, con cui sono state messe in campo delle politiche pubbliche e con cui si sia cercato di superare l’approccio emergenziale al problema abitativo per creare un nuovo modello per l’abitare.