Emergenza casa e Legge di Bilancio

pubblicato il .

Intervento ad un'incontro organizzato dal sindacato SUNIA a Milano (video).

Ci sono ancora delle difficoltà nel dare risposte ad un bisogno elementare e un diritto come quello della casa. Sicuramente il Comune di Milano metterà in campo delle iniziative per aiutare le persone in difficoltà, purtroppo risolvere completamente i problemi è molto difficile.
Nella Legge di Bilancio che ci apprestiamo a discutere in Parlamento, in materia di casa, è sicuramente contenuto un pacchetto importante di misure che può aiutare gli Enti Locali e le aziende che gestiscono il patrimonio pubblico e che intendono intervenire su di esso per ristrutturarlo, migliorarne la qualità e creare nuove opportunità abitative.
Verrà, infatti, estesa a tutte le proprietà pubbliche la possibilità di detrarre fino all’80% i costi di ristrutturazione e efficientamento energetico fino al 2021.
È una misura importante che può essere utilizzata per sostenere quel piano di riqualificazione urbana che il Comune di Milano si è impegnato a fare e che può aiutare a rimettere molti alloggi vuoti a disposizione di chi non ha una casa. Inoltre, questa norma può aiutare - con risorse minime - ad intervenire sui patrimoni e portare anche qualità nei quartieri popolari.
Chi gestisce le case del patrimonio pubblico, quindi, potrà detrarre l’80% per le spese di ristrutturazione, questo è importante ed è utile anche se non risolve alcune situazioni immediatamente. Cercheremo di portare anche altre proposte dentro la Legge Finanziaria. Al momento sembra che non ci siano possibilità per rendere stabile la cedolare secca come quella attuale e, invece, sarebbe utile perché potrebbe incentivare i proprietari di case a metterle in affitto a canone concordato. Questa, però, è un’operazione che costa e al momento le ristrettezze del bilancio non sembrano consentirla, anche alla luce degli eventi sismici recentemente avvenuti e del conseguente impegno economico per la ricostruzione.
Personalmente, ho già depositato al Senato l’emendamento per chiedere di reintrodurre e rifinanziare il Fondo Sostegno Affitti e rendere possibile l’utilizzo di tutti i residui del Fondo per la Morosità Incolpevole che, in molte realtà, non è stato utilizzato. Quei soldi, quindi, dovrebbero poter essere invece utilizzati insieme ad altri che chiederemo al Governo per rimettere in campo il Fondo Sostegno Affitti, che penso possa essere utilizzato bene dall’Agenzia che si occupa di far incontrare domanda e offerta abitativa – già attiva e ben funzionante a Milano – proprio per dare risposte immediate ai casi emergenziali.
Il Fondo Sostegno Affitti va utilizzato bene e va utilizzato soprattutto per dare risposte immediate a chi rischia di restare in mezzo ad una strada.
A Milano, l’Agenzia che sta facendo questo lavoro di incontro tra domanda e offerta abitativa lo sta facendo bene e, quindi, sono sicuro che quelle risorse sarebbero usate bene e il nostro compito di legislatori è quello di riuscire a riattivare quel fondo.



Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive