Contrasto alle occupazioni abusive

pubblicato il .

Intervento in tv a 7Gold.

Il Decreto Sicurezza non cambia molto sul fronte delle occupazioni abusive delle case: alza le pene per chi occupa abusivamente gli alloggi. Molte azioni di contrasto alle occupazioni abusive si potevano già fare prima. Sarei stupefatto se Aler Milano non avesse l’elenco delle case occupate abusivamente.
Il tema vero da affrontare, però, è quello di prevenire le occupazioni e questo significa che bisogna mettere in sicurezza gli alloggi vuoti e lasciarli vuoti il meno possibile.
Con la legge del 2014 sull’emergenza abitativa avevamo fatto uno stanziamento significativo per fare in modo che le piccole spese per le manutenzioni ordinarie, necessarie per rimettere a disposizioni dei nuovi inquilini gli alloggi, si facessero presto. Purtroppo il passaggio tra Governo, Regioni e Comuni o gestori è lunghissimo.
Tuttavia la messa in sicurezza degli alloggi per evitare le occupazioni è la prima cosa da fare.
Secondariamente bisogna colpire il racket. Gli arresti a Milano di questi giorni sono una buona notizia su questo fronte.

Una Manovra senza Casa

pubblicato il .

Articolo pubblicato sul mensile Zona Nove.

Il tema della casa resta il grande assente nella manovra economica del Governo giallo-verde. Nella Legge di Bilancio presentata alle Camere non c’è nulla sul tema, né idee innovative, né provvedimenti e tanto meno soldi e investimenti.
Eppure se si vogliono affrontare davvero la povertà e le difficoltà di tante famiglie la questione casa è centrale.
Il costo dell’abitazione, infatti, incide in maniera rilevante sui bilanci familiari, quasi sempre ben oltre quel 20% stimato come la misura sostenibile per chi ha redditi medio-bassi per poter vivere dignitosamente.
A ciò si aggiunge la mancanza di risposte per migliaia di persone che non trovano un’abitazione stabile. Ma questo Governo si occupa di casa come se fosse solo una questione di ordine pubblico.
È giusto contrastare l’abusivismo e farlo con forza, ma se questo diventa l’unico aspetto su cui si interviene, senza mettere in campo politiche e soprattutto investimenti per affrontare l’emergenza abitativa - come ha tentato di fare il nostro Governo nella scorsa Legislatura - si rinuncia ad affrontare i problemi e i bisogni che creano disagio e, spesso, disperazione.
Oppure, ed è una parte della discussione in corso sul reddito di cittadinanza, si parla di casa per considerare quella in proprietà come un elemento discriminante per accedere ai mitici 780 euro, come se una famiglia senza reddito ma con una casa in proprietà potesse rispondere meglio ai bisogni quotidiani.

Le case popolari di Via Turati a Bollate

pubblicato il .

Nella trasmissione televisiva "Aria Pulita", in onda su 7Gold, si è parlato della situazione delle case popolari di via Turati a Bollate (Video).
Quelle case rientrano in un progetto su cui era stato fatto un contratto di quartiere: ci siamo battuti a lungo per realizzarlo; erano state stanziate anche delle risorse per finanziarlo ma i lavori iniziati erano soltanto quelli necessari per liberare le case dall’amianto.
Ad un certo punto sono state interrotte anche quelle attività, a causa del fallimento delle aziende a cui erano stati affidati i lavori.
Così tutto si è fermato.
Aler (gestore di quegli immobili) e Regione Lombardia non sono più state in grado di garantire i lavori.
Dispiace che tutto si sia fermato perché il progetto era molto bello e le risorse per attuarlo erano disponibili.
Quel quartiere, in centro a Bollate, oggi rimane molto degradato.
All'interno del contratto di quartiere erano previsti anche alcuni progetti urbanistici che avevano una loro forza e che erano stati costruiti con il contributo di amministrazioni di colore diverso ma purtroppo non si riesce più a portare a termine.
Sicuramente dovremo intervenire sul problema delle aziende che prendono incarichi dal settore pubblico ma poi non finiscono i lavori.

Viaggio nei quartieri ERP: Viale Ca' Granda

pubblicato il .

Non è la prima volta che incontriamo il Comitato di quel quartiere, che si trova a poche centinaia di metri dall’ospedale di Niguarda.
Ci sono tutti i responsabili dell’autogestione che gestisce la manutenzione del verde, i piccoli interventi di manutenzione e, soprattutto, il riscaldamento.
Un’esperienza che dura da molti anni e che, oltre a garantire la qualità e il controllo su quegli interventi, ha responsabilizzato la gran parte degli inquilini, tutti in affitto, a dedicare attenzione e cura al quartiere.
Nonostante questo sia stato un fattore importante contro il degrado di cui va dato merito al Comitato, i problemi restano tanti e sono, anche in questo caso, da addebitare al gestore, ad Aler.
La stessa autogestione, anziché essere sostenuta e valorizzata dall’Ente di viale Romagna, viene messa costantemente in difficoltà dai ritardi con cui Aler paga i fornitori dei vari servizi e il combustibile per il riscaldamento nonostante siano gli inquilini, pagando le spese, a garantire i soldi necessari.
Ma il problema più urgente da affrontare, dopo che per anni è stato evidenziato senza che si sia fatto nulla, è quello del rifacimento delle facciate.
Non è uno sfizio o un lusso.