Governo contraddittorio sulla messa in sicurezza del territorio

pubblicato il .

Intervento in tv a 7Gold.

Non penso che sia colpa del Governo attuale ciò che è avvenuto nei giorni scorsi ma il dato di fatto è che il "Governo del cambiamento" non sta dando segnali di cambiamento rispetto al problema del dissesto idrogeologico del nostro territorio, anzi come dimostra la vicenda del condono per Ischia sembra che si guardi indietro, così come si va nella direzione opposta a quella necessaria con la chiusura dell'unità di missione "Italia sicura" e di "Casa Italia", che erano state un primo tentativo di intervenire sulla situazione del dissesto idrogeologico, dopo anni in cui non era mai stato fatto nulla.
Ci si è stracciati le vesti per le drammatiche vicende della Sicilia, in cui sono morte due famiglie abitanti di una villetta abusiva troppo vicina ad un fiume, ma negli stessi giorni, all’interno del “Decreto Genova” (in cui si sarebbe dovuto parlare dell’area del Ponte Morandi) si è inserito il condono per tutte le costruzioni abusive di Ischia, utilizzando i parametri del 1983 per cui si decide di sanare tutte le situazioni, a prescindere dai rischi derivati dalle condizioni idrogeologiche dei luoghi in cui sono costruite le case e si condonano le grandi difformità per chi ha ricostruito dopo il terremoto cambiando di molto le volumetrie.
C’è, quindi, una contraddizione evidente: ci si straccia le vesti sulle devastazioni prodotte dal dissesto idrogeologico ma contestualmente sono state fermate le cose utili che si stavano facendo per fronteggiare il problema del nostro territorio e si sono introdotti condoni. Così il governo non può essere credibile sul tema della sicurezza del territorio e dei cittadini.


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive