Non interrompere il percorso portato avanti dai governi Renzi e Gentiloni

pubblicato il .

Articolo pubblicato da Democratica.

La crisi economica insieme alla globalizzazione hanno prodotto l’una l’impoverimento di una parte degli italiani e l’altra il venir meno di tanti strumenti che consentivano nei vecchi Stati nazionali di poter condizionare i processi economici e sociali e, complessivamente, hanno provocato preoccupazione e incertezza per il futuro.
Ci si sente tutti più precari e meno protetti al di là del reddito o della posizione lavorativa. Per questa ragione il tema della sicurezza è diventato sempre più centrale.
Non sono aumentati i reati in questi anni, anzi, ma è aumentata la paura del futuro, la diffidenza verso il cambiamento e, spesso, la preoccupazione di ritrovarsi soli e indifesi di fronte ai problemi. Di fronte a questo quadro, in questa campagna elettorale, il dibattito rende evidente l’esistenza di due risposte da parte della politica, fondamentalmente diverse e quasi incompatibili tra loro, che descrivono oggi il vero discrimine tra due campi.
Da una parte, infatti, c’è chi cavalca quelle paure, le alimenta e le agita, spesso enfatizzandole, per racimolare un po’ di consenso e, contemporaneamente, non manca di indicare il colpevole, il capro espiatorio, che è sempre quello un po’ più debole e povero di coloro che vivono condizioni di precarietà e, quindi, sono più esposti alle preoccupazioni per il proprio presente e per il proprio futuro.

Atto vandalico contro il comitato elettorale di una candidata PD di Marcianise

pubblicato il .

L'atto vandalico e intimidatorio che è stato fatto da ignoti a Marcianise contro il comitato elettorale di Angela Letizia  sembra essere l'ennesimo atto di chi vuole impedire il libero confronto e alimentare tensioni e scontri in campagna elettorale.
Noi continueremo a presentare le nostre proposte ai cittadini e a parlare dei problemi del Paese senza farci spaventare.
Ad Angela va il sostegno e la solidarietà di tutto il Pd.


Orgoglio per le cose fatte e fiducia per costruire il futuro

pubblicato il .

Intervento svolto al Circolo PD di Bresso per l'avvio della campagna elettorale.

Ci sono diversi modi di fare campagna elettorale.
Uno è quello di guardare al contingente, spesso insistendo sulla pancia delle persone per ottenere un risultato.
Sono molte le forze politiche che adottano questo metodo.
Sono coloro che fanno promesse assolutamente irrealizzabili o non praticabili per il contesto in cui ci troviamo (quello del debito pubblico dell’Italia ad esempio).
Ma sono anche coloro che promettono cose che il PD ha già realizzato in questi anni di Governo, come ad esempio Berlusconi che propone detrazioni fiscali per chi assume lavoratori a tempo indeterminato o il modello 730 semplificato, entrambi già esistenti.
Oppure sono coloro che arrivano anche a giustificare - o peggio ad alimentare - episodi come quello avvenuto a Macerata.
Ci sono, infatti, forze politiche che continuano a spiegare che il Paese vive un declino inarrestabile e che siamo invasi dai migranti, speculando sulle paure dei cittadini, e che questa invasione giustifica chi va in giro a sparare, mentre in realtà gli sbarchi sono diminuiti del 36%.

Basta con proposte elettorali già realizzate in questa legislatura

pubblicato il .

Articolo pubblicato da Huffington Post.

Con la presentazione delle liste lo scorso 29 gennaio, la campagna elettorale per il voto del 4 marzo è ufficialmente iniziata. L'augurio che penso dobbiamo tutti farci per il bene dell'Italia e della nostra democrazia è quello di un confronto sereno e serio sui contenuti, le proposte e le idee per il nostro futuro, un confronto in cui si propongano soluzioni diverse ma che abbandoni i toni di chi pensa più a delegittimare l'avversario che ad affrontare davvero i problemi degli italiani.
Sono uomo di parte, ho sostenuto i governi Letta, Renzi e Gentiloni e credo che in questa legislatura il Paese sia cambiato in meglio. Certo, ancora troppe persone e troppe famiglie vivono l'impoverimento che la crisi economica iniziata nel 2008 ha prodotto e sono ancora tanti i problemi da risolvere, ma il fatto che l'economia sia tornata a crescere, che esportazioni e consumi siano cresciuti portando con sé un aumento, ancora insufficiente ma comunque significativo, dell'occupazione è lì a dimostrare che si sono create le condizioni per dare risposte a chi ancora non vede la fine del tunnel in cui la crisi l'ha precipitato.