Con lo sblocca-cantieri meno velocità e più illegalità

pubblicato il .

Il Cresme oggi attesta che nel primo trimestre del 2019 sono stati promossi bandi per 10 miliardi, con un aumento del 120%. Lo sblocca-cantieri rischia invece, come paventato oggi da molte associazioni audite in Commissione Ambiente e Lavori Pubblici, di creare più problemi e lungaggini che soluzioni.
Altro che accelerare le pratiche, ci sarà bisogno di nuovi regolamenti, nuovi decreti e ci vorranno molti mesi per tornare a dare certezze agli operatori e agli Enti Locali.
L’unica cosa che certamente ottiene questo decreto è quella di abbassare le garanzie di legalità.
Si torna indietro liberalizzando i subappalti, portando a 200 mila euro il limite per l’affidamento senza gara degli appalti, reintroducendo di fatto il ricorso al massimo ribasso e, come hanno denunciato le organizzazioni sindacali, riducendo in maniera significativa il ruolo di Anac.
Insomma, più che velocizzare le opere, questo decreto sembra finalizzato a garantire meno controlli, meno trasparenza e più spazio per l’illegalità.


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive