Si è fatta un'operazione di propaganda politica su Genova

pubblicato il .

Intervento in Tv a 7Gold.

L'arrabbiatura dei genovesi di questi giorni è data dalle aspettative suscitate e deluse e dal fatto che è stata fatta una gigantesca operazione di propaganda politica in cui si è spiegato che due giorni dopo si sarebbero date le case agli sfollati e cominciato a ricostruire il ponte e così non è stato.
Sono passati due mesi di divisioni, incomprensioni, discussioni e che oggettivamente hanno fatto perdere tempo.
Stando sul merito del decreto, va chiarito che non si può separare la questione del fare in fretta da quella del fare bene, anche dal punto di vista della legalità. Non sono questioni alternative.
Su Expo, in Parlamento, abbiamo preso una serie di decisioni per accelerare i tempi in modo da non perdere l'occasione ma allo stesso tempo si sono messi in campo una serie di interventi preventivi rispetto alle infiltrazioni mafiose che oggi nel decreto per Genova non ci sono e andranno messe perché coinvolgono il coordinamento tra le diverse forze dell'ordine e la possibilità di controlli sui cantieri.
L'esperienza di Expo mostra che si può fare in fretta e evitando le infiltrazioni criminali.


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive