Milleproroghe: tutelare i Comuni virtuosi sulla Bolkestein

pubblicato il .

Ho presentato un emendamento al decreto Milleproroghe finalizzato a tutelare i Comuni virtuosi che, in merito alla Direttiva UE Bolkestein sulle concessioni commerciali in aree pubbliche, hanno già emanato i relativi bandi. L'emendamento, sottoscritto anche dai colleghi dem, Valdinosi, Tomaselli e Rossi, consentirà a molti Comuni, tra cui Milano, di allinearsi alla norma europea sulle concessioni in spazi pubblici, come richiesto anche dalle associazioni di categoria, a partire dalla Fiva-Confcommercio.
L'emendamento metterà fine al caos creatosi negli Enti Locali e va a tutelare i tanti operatori che, in vista dei bandi per la concessione degli spazi pubblici, avevano già provveduto a definire gli adempimenti burocratici per potersi presentare alle gare con tutti i requisiti, procedendo quindi ad una riorganizzazione delle attività, con connessi costi.

Scheda DDL Milleproroghe»  

Testo dell’emendamento:

Il Governo Gentiloni

pubblicato il .

Intervento in Senato durante la discussione sul Governo Gentiloni (video).

Abbiamo preso atto dell’esito del Referendum.
Le dimissioni di Matteo Renzi sono venute dalla consapevolezza della maggioranza che ha sostenuto il suo Governo che ha visto bocciare dai cittadini quella Riforma Costituzionale che era insieme ragione e obiettivo del Governo e della legislatura stessa.
Il Referendum ha cancellato una Riforma che io continuo a pensare fosse necessaria per il Paese.
Al di là delle caricature di questi giorni, quel Referendum non cancella, però, le tante riforme e il lavoro fatto nei mille giorni del Governo Renzi.
Abbiamo fatto cose utili per il Paese e per tanti cittadini.
Ne parleremo e le racconteremo nei prossimi giorni.
Leggeremo i risultati quando ci sarà la possibilità e la serenità di farlo.
Oggi, il Presidente Gentiloni, con il suo Governo e la sua maggioranza, si assume con coraggio una responsabilità non semplice: portare il Paese alle elezioni, affrontando questioni urgenti per il Paese, come intervenire sul sistema bancario, consolidare il lavoro iniziato per la ricostruzione nelle zone colpite dal terremoto, affrontare gli impegni internazionali e il tema del governo dell’immigrazione.

Le riforme approvate nei mille giorni del Governo Renzi

pubblicato il .

Articolo pubblicato dal'Huffington Post.

Il Governo presieduto da Matteo Renzi ha terminato dopo oltre mille giorni il suo lavoro. Con coerenza dopo la vittoria del NO al referendum il Presidente del Consiglio ha presentato le dimissioni, essendo stato quello di riformare la Costituzione uno degli obbiettivi fondanti del suo Governo e dell'intera legislatura.
Credo, comunque, che sia giusto ricordare le tante cose che in questi tre anni il Parlamento e il Governo hanno fatto, prima che la contingenza politica e la rapidità con cui nell'era dell'web si sovrappongono e si perdono le informazioni, faccia dimenticare i molti risultati ottenuti e le riforme realizzate.
Certo è evidente che molte delle riforme fatte avranno bisogno di un po' di tempo per mostrare i propri effetti ed è altrettanto chiaro che i risultati ottenuti (il Prodotto Interno Lordo che torna a crescere, il tasso di disoccupazione che scende anche tra i giovani, 600mila posti di lavoro in più di cui 450mila con contratti a tempo indeterminato ecc.), sono insufficienti o, addirittura inesistenti agli occhi di chi ancora vive materialmente e sulla propria pelle i grandi problemi generati dalla lunga crisi economica.

Emendamenti al decreto terremoto

pubblicato il .

Fare in modo che il programma delle infrastrutture ambientali da ripristinare che il commissario straordinario dovrà definire contenga anche una particolare attenzione a "reti idriche, acquedotti, impianti di smaltimento e trattamento rifiuti, impianti di produzione di energia rinnovabile, dighe e invasi artificiali, opere di prevenzione del rischio idrogeologico, strade, sentieri e piste ciclabili". Lo prevede un emendamento PD, di cui sono primo firmatario, presentato in commissione Bilancio del Senato al decreto Terremoto. L'emendamento agisce sull'articolo 27 del decreto.

Questo l'Art. 27: Programma per la realizzazione delle infrastrutture ambientali
1. Entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto il Commissario straordinario predispone e approva un programma delle infrastrutture ambientali da ripristinare e realizzare nei Comuni di cui all'allegato 1, con particolare attenzione agli impianti di depurazione e di collettamento fognario.