Fondi per il ripristino delle aree colpite dal dissesto idrogeologico

pubblicato il .

Presentazione, insieme ad altri 70 senatori del Partito Democratico, della mozione con la quale si impegna il Governo a destinare una parte dei fondi già stanziati per la realizzazione del Terzo Valico agli interventi necessari per ripristinare le infrastrutture viarie e le situazioni di dissesto ricadenti nell’ambito territoriale, a cavallo tra Liguria e basso Piemonte, interessato dai cantieri.
Non si tratta di definanziare l’opera, né tantomeno di metterne in discussione la realizzazione, bensì, nell’ambito delle risorse già stanziate, e in applicazione delle normative vigenti che stabiliscono come una percentuale del finanziamento delle grandi opere vada destinato a interventi propedeutici e compensativi, di fare con rapidità tutto ciò che è indispensabile perché i cantieri si attivino in un contesto ordinato e territorialmente assestato. Inoltre, è anche un modo efficace di mobilitare subito a vantaggio del sistema locale, risorse già pronte, accelerando i tempi di intervento e alleggerendo il costo che incombe sul vasto fronte di calamità che hanno colpito tutta l’Italia.

Mozione sulla protezione del suolo

pubblicato il .

Mozione presentata per chiedere al Governo di impegnarsi in sede Comunitaria per la realizzazione di direttiva quadro europea sul suolo finalizzata a proteggere il suolo e a conservarne la capacità di svolgere le funzioni ambientali, socioeconomiche e culturali.

Il Senato,
premesso che:
nel settembre 2006, la Commissione europea ha adottato una strategia tematica per la protezione del suolo (COM/(2006)/231) ed una proposta di direttiva quadro sul suolo (COM/(2006)/232), volta a garantirne un uso sostenibile ed a proteggerne le fondamentali funzioni ambientali, socioeconomiche e culturali;

nel novembre 2007, il Parlamento europeo ha approvato, in prima lettura, la proposta di direttiva quadro sul suolo con una maggioranza di circa 2 terzi, ma una minoranza ha impedito progressi nel Consiglio, nonostante il sostegno di più di 20 Stati membri. Purtroppo negli ultimi 8 anni ci sono stati pochi progressi sulla politica europea sul suolo e il degrado di questa risorsa limitata continua in tutti i Paesi europei;

Impianti di rigassificazione e centrale elettrica di Civitavecchia

pubblicato il .

Lo scorso 22 gennaio la Commissione Europea ha presentato il quadro per le politiche dell'energia e del clima per il periodo dal 2020 al 2030, con un pacchetto di proposte in materia di politica energetica e ambientale. Tra queste, la riduzione entro il 2030 delle emissioni di gas a effetto serra del 40 per cento e l'aumento della quota di energie rinnovabili del 27%. Alla luce di questo, risulta necessario per il nostro Paese l'adozione di una politica nazionale che garantisca prezzi accessibili dell'energia, competitività, sicurezza nell'approvvigionamento e il conseguimento degli obiettivi climatici e ambientali in materia di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Per questo i senatori del PD hanno presentato una mozione sugli impianti di rigassificazione e sulla centrale elettrica di Civitavecchia.

Mozione PD "Expo dei territori"

pubblicato il .

L'Expo Milano 2015 potrà essere un'occasione importante per lo sviluppo e il rilancio economico del nostro Paese. Ma sarà anche l'opportunità per lanciare un messaggio culturale sui grandi temi che il mondo contemporaneo sta affrontando, prima fra tutte la questione alimentare. Per questo, come gruppo PD al Senato abbiamo presentato due mozioni. La prima mozione verte sulla necessità di creare un vero e proprio 'Patto globale del cibo'.  La seconda mozione si chiama 'Expo dei territori' e sollecita governo e regioni a coordinare maggiormente le diverse iniziative territoriali che potranno beneficiare della capacità attrattiva dell'Expo. Potrà essere un'occasione unica perché i distretti agroalimentari italiani facciano conoscere anche a livello internazionale i loro prodotti grazie alla loro capacità di promozione.