La candidatura di Milano per EMA

pubblicato il .

Adesione alla mozione - poi approvata dal Senato - a sostegno della candidatura di Milano ad ospitare la sede di Ema.

Testo della mozione:

Il Senato, premesso che:

l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) è un organo regolatorio decentrato dell'Unione europea, con sede a Londra, il cui compito principale è quello di tutelare e promuovere la sanità pubblica e la salute degli animali mediante la valutazione ed il controllo dei medicinali per uso umano e veterinario;

l'EMA è responsabile della farmacovigilanza, della ricerca e della relazione con le imprese farmaceutiche;

Aumento degli abbonamenti pendolari è inaccettabile

pubblicato il .

La decisione di Trenitalia di aumentare in modo consistente l’abbonamento per i pendolari Torino-Milano è inaccettabile. Definirla una stangata è un eufemismo, per questo con alcuni senatore del PD, abbiamo presentato una mozione per chiedere al Governo di intervenire affinché vengano bloccati gli aumenti per i pendolari sui treni Frecciarossa e si riapra un tavolo di concertazione con tutti i gestori (Trenitalia e NTV) volto ad armonizzare l'offerta ferroviaria ad alta velocità presente sul territorio italiano.

Testo della mozione:

Il Senato,

premesso che il nostro Paese ha investito e continua ad investire ingenti risorse pubbliche sull'infrastruttura ferroviaria per il programma alta velocità, al fine di creare, secondo le indicazioni dell'Unione europea, una rete di trasporti ferroviari, che consenta di raggiungere una maggiore omogeneità del servizio tra i vari Stati membri ed elevate velocità. La rete dell'alta velocità è stata anche definita "la metropolitana più veloce d'Italia", proprio per sottolinearne il ruolo strategico e le potenzialità di sistema, in grado di competere persino con il trasporto aereo;

Casa Italia sia una svolta e ricostruzione di eccellenza

pubblicato il .

Il drammatico terremoto che il 24 agosto ha colpito il territorio di 4 regioni, facendo 295 vittime, può diventare l’occasione di una svolta nel nostro Paese all’insegna della prevenzione e del miglioramento delle normative in materia di antisismica e di protezione civile. I senatori PD impegnati nelle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici del Senato hanno presentato una mozione, insieme con il capogruppo Luigi Zanda, che chiede al governo di imperniare la procedura di ricostruzione in quei territori su 5 imperativi chiave quali: la massima qualità ed efficienza degli interventi; la democrazia con la responsabilizzazione delle comunità locali e di tutti i livelli istituzionali; la trasparenza attraverso la rendicontazione online di tutti gli interventi; la legalità perché le imprese siano “mafia free”; l’equità con la corresponsione del dovuto ai cittadini, alle imprese e agli enti. Nella mozione si chiede inoltre all’Esecutivo di definire il programma “Casa Italia”, entro 3 mesi dal terremoto e comunque non oltre il 30 novembre, tenendo in debito conto le proposte delle comunità locali e degli stakeholder e pianificando da subito il fabbisogno pluriennale di risorse pubbliche e private per dare continuità al progetto.
Lo scopo della mozione che sarà discussa presto in Aula è di sostenere il governo nella campagna di prevenzione antisismica costituita dal programma “Casa Italia”, che va definito presto e bene. Per questo suggeriamo di estendere il meccanismo ipotizzato dall’Enea per l’efficientamento energetico dei condomini anche alla messa in sicurezza antisismica e di prevedere un ruolo di finanziamento autonomo per i Comuni per gli edifici di loro pertinenza. Proponiamo inoltre di dare continuità per tre anni all’ecobonus per gli edifici, estendendolo anche agli adeguamenti e ai consolidamenti antisismici. Chiediamo inoltre il pieno sostegno alla normativa di riordino in materia di sistema nazionale della Protezione civile, che è all’esame proprio del Senato.

Mozione bipartisan per somministrazione farmaci a bambini malati a scuola

pubblicato il .

Il diabete è una patologia che coinvolge un numero molto elevato di persone nel mondo, solo nel nostro Paese sono ben tre milioni i malati con un netto aumento negli ultimi anni soprattutto nella popolazione infantile. E’ un dato allarmante che, considerati i costi sociali e individuali dati da questa malattia cronica, impone misure urgenti ed efficaci per tutelare la salute dei malati, soprattutto dei più piccoli.
La problematicità del bambino affetto da una malattia cronica sia essa asma, epilessia o appunto diabete, va dunque affrontata in tutta la sua complessità soprattutto per garantire una continuità terapeutica attraverso la somministrazione dei farmaci necessari. Con questa mozione bipartisan per la somministrazione dei farmaci a scuola, chiediamo un impegno del governo per valutare, promuovere e sostenere ogni iniziativa utile ad un’appropriata gestione del diabete a scuola, garantendo la continuità terapeutica in orario scolastico e la somministrazione dei farmaci. Inoltre sosteniamo la necessità di procedere quanto prima all’assunzione dell’atto definitivo delle “Linea guida per la somministrazione dei farmaci a scuola” (redatte dal Comitato paritetico nazionale) per consentire il recepimento e l’attuazione delle stesse in via definitiva da parte di tutte le Regioni. Così come sarà importante che il Comitato paritetico nazionale per le malattie croniche e la somministrazione dei farmaci vigili sull’attuazione del documento di indirizzo da parte delle Regioni e sul successivo monitoraggio finalizzato alla valutazione dei risultati ottenuti e delle eventuali criticità emerse. Siamo fiduciosi, anche alla luce dei dati allarmanti forniti oggi dall’Oms sull’incremento della malattia, che la mozione troverà ascolto nella sensibilità del governo. Non lasciamo soli i piccoli malati e le loro famiglie che hanno bisogno di tutto il nostro sostegno, e impegniamoci per garantire loro un futuro che sia il più normale possibile.