Interrogazione riguardante il gruppo Alstom a Sesto San Giovanni

pubblicato il .

In questi giorni, General Electric ha comunicato la chiusura della fabbrica e del service del settore Power del gruppo Alstom di Sesto San Giovanni, che ha precedentemente acquisito. Questa decisione, secondo GE, comporta la conseguenza di determinare 211 esuberi nel 2016 e altri 26 nel 2017.
Sulla vicenda ho depositato un’interrogazione per chiedere al Governo di garantire che la decisione di GE di procedere alla chiusura degli stabilimenti non coincida con la dismissione della fabbrica.
Il gruppo Alstom è una realtà importante a Sesto San Giovanni: la fabbrica di produzione e quella di manutenzione del settore Power, acquisiti da General Electric, occupano 450 lavoratori, con produzioni che rappresentano un'eccellenza a livello mondiale. Per questo si vuole sapere dal Governo quali interventi intenda mettere in atto al fine di salvaguardare l'occupazione e impedire che l'Italia e Sesto San Giovanni perdano un importante centro di produzione su un settore strategico quale quello dell'energia.

Testo dell'interrogazione:

Interrogazione a risposta orale

Al Ministro dell'economia e delle finanze
Al Ministro dello sviluppo economico
Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali

Premesso che:
il gruppo Alstom, multinazionale francese che ha quattro settori di attività (trasporti su rotaia, produzione di energia da fonti termiche, produzione di energia da fonti rinnovabili e trasmissione di energia), è presente in Italia con dodici sedi attive nel settore del trasporto su rotaia e della trasmissione e produzione di energia, dando occupazione a 4000 lavoratori;

da circa un anno e mezzo General Electric sta procedendo all'acquisizione del settore dell'energia del gruppo Alstrom a livello europeo;

considerato che:
a Sesto San Giovanni, Alstom è una presenza importante: vi ha infatti sede lo stabilimento del trasporto su ferro Transport e il nuovo polo di ricerca e sviluppo del settore Grid, che non entrano nel processo di acquisizione da parte di General Electric. Oltre a ciò, a Sesto è presente la fabbrica di produzione e quella di manutenzione del settore Power, acquisito da GE, che occupa 450 lavoratori, con produzioni che rappresentano un'eccellenza a livello mondiale;

Alstom costituisce un patrimonio importante per la città Sesto, non solo in termini occupazionali ma per le competenze, le tecnologie e gli investimenti che assomma;

in questi giorni, General Electric ha comunicato alle organizzazioni sindacali la chiusura della fabbrica e del service, con la conseguenza di determinare 211 esuberi nel 2016 e altri 26 nel 2017;

si chiede di sapere:
se vi siano stati, nel corso del processo di acquisizione di Alstom da parte di GE, rapporti con il Governo italiano e, nel caso, quale sia lo stato delle relazioni e se vi siano accordi;

quali interventi i Ministri in oggetto intendano mettere in atto al fine di salvaguardare l'occupazione e impedire che l'Italia e Sesto San Giovanni perdano un importante centro di produzione su un settore strategico quale quello dell'energia;

se i Ministri intendano porre in essere ogni possibile iniziativa al fine di garantire che la decisione di GE di procedere alla chiusura degli stabilimenti non coincida con la dismissione della fabbrica.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive