Interrogazione su case popolari Aler Milano

pubblicato il .

Questa mattina, intervenendo al congresso provinciale del SUNIA di Milano, il senatore PD Franco Mirabelli ha annunciato di aver presentato un'interrogazione per chiedere la nomina del Sindaco di Milano a Commissario ad Acta per velocizzare l'assegnazione degli oltre 6.000 alloggi vuoti di proprietà pubblica che sono in città. "A fronte di 25.000 domande di alloggi sociali inevase, lasciare 6.000 alloggi vuoti è indecente e inaccettabile. - ha affermato Mirabelli - L'inerzia di Regione Lombardia e la crisi di ALER non consentono di garantire soluzioni nei tempo necessari. Per questo serve attribuire al Sindaco un ruolo straordinario e gli strumenti per dare risposte a quella che è una vera e propria emergenza sociale". "L'interrogazione - conclude il senatore Mirabelli - dá concretezza alla proposta avanzata dal Comune di Milano e sostenuta dal sindaco Pisapia". Video dell'intervento al congresso SUNIA»

Testo dell'interrogazione:
Interrogazione a risposta orale da svolgersi in Commissione 8° (Lavori Pubblici)

Al Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti.

Premesso che:
nella città di Milano ad oggi 25.000 persone hanno presentato richiesta e sono attualmente in lista di attesa per l’assegnazione di alloggi popolari. Nel corso del 2013 sono state effettuate soltanto un migliaio di assegnazioni da parte del Comune di Milano e di A.L.E.R. - Agenzia Lombarda di Edilizia Residenziale di Milano;

tale situazione di emergenza abitativa è determinata anche dalla pesante congiuntura economica che ha aggravato il numero delle morosità e conseguentemente determinato un incremento del numero degli sfratti. Nel solo 2013 a Milano e Provincia il numero degli sfratti non esecutivi è stato pari a 17.876;

nella città di Milano, il patrimonio immobiliare è attualmente di 40.000 alloggi di proprietà di A.L.E.R., mentre quello di proprietà del Comune di Milano consta di 28.000 alloggi, affidati in gestione alla stessa A.L.E.R.;

allo stato attuale risulta che il numero di alloggi sfitti di proprietà pubblica sia pari a 4.218 unità abitative di proprietà di A.L.E.R. e 2.264 di proprietà del Comune di Milano per un ammontare totale di 6.482; la mancata assegnazione degli alloggi è determinata anche dalla particolare gravità della situazione in cui versa l’edilizia residenziale pubblica milanese. Infatti, gran parte del patrimonio immobiliare necessita di consistenti interventi di manutenzione. Secondo stime A.L.E.R. necessiterebbero 900 milioni di euro circa per lavori di ristrutturazione degli alloggi;

i predetti interventi risultano inattuabili, stante l'impossibilità di A.L.E.R., di reperire le necessarie risorse. L'A.L.E.R., infatti, ad oggi presenta un deficit di bilancio di 325 milioni di euro circa, nonché un’esposizione debitoria verso i fornitori di 61 milioni di euro;

in questa situazione risulta assai difficoltosa la realizzazione di interventi di manutenzione e messa in sicurezza degli alloggi in oggetto e, contestualmente, si registra un’evidente difficoltà di A.L.E.R. Milano a rispettare i tempi necessari per la collocazione degli alloggi sfitti e nel rispetto delle graduatorie maturate;

tutto ciò crea una divaricazione evidente tra una domanda abitativa che oramai ha raggiunto livelli emergenziali e la capacità di risposta da parte di A.L.E.R. Milano, oltre che gravi disagi per i residenti dei quartieri di edilizia residenziale pubblica, cui vengono a mancare spesso i più elementari interventi di manutenzione.

Si chiede di sapere:
quali iniziative il Ministro in indirizzo intenda adottare al fine di garantire una soluzione efficace relativa alla gestione degli alloggi di proprietà pubblica della città di Milano e per consentire una rapida assegnazione dei medesimi ai cittadini in situazione di bisogno abitativo;

se non ritenga opportune attribuire al Sindaco di Milano, in qualità di responsabile della salute e della sicurezza dei cittadini e di proprietario di una parte consistente del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica, il ruolo di Commissario ad Acta per la gestione del patrimonio immobiliare pubblico, al fine di provvedere ai necessari interventi sugli alloggi che necessitano di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e di assegnare in tempi rapidi a chi è in graduatoria gli alloggi di proprietà pubblica oggi inutilizzati;

se non ritenga opportuno consentire al Commissario, al fine di ridurre lo stato di emergenza abitativa nella città di Milano, di poter utilizzare le risorse del Fondo della Regione Lombardia finalizzato all’integrazione del canone di locazione ai nuclei familiari in situazione di gravi disagio economico e sostegno delle morosità incolpevoli.

MIRABELLI


........

L'anticipazione della presentazione dell'interrogazione era stata data in un'intervista ad Affaritaliani»

Video dell'intervento di presentazione dell'interrogazione al Congresso del SUNIA»

Video di un frammento dell'intervento di Giuliano Pisapia in cui ringrazia per aver portato la questione all'attenzione del Parlamento»

Video dell'intervento di presentazione del nuovo Piano Casa al congresso del SUNIA» 

Foto della partecipazione al congresso del SUNIA»

Congresso SUNIA - case popolari - Milano, 22 marzo 2014

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive