Incardinata la discussione sul DDL di riordino dei giochi

pubblicato il .

Il disegno di legge che ho depositato a prima firma recante "Disposizioni in materia di riordino dei giochi" (A.S. 2000) è stato incardinato questa mattina in commissione Finanze al Senato e ne sarò anche Relatore. Lo ha deciso la stessa commissione, che ha rinviato la discussione alla prossima seduta d'esame. Il ddl in questione reca il riordino, anche attraverso la loro raccolta organica e sistematica, delle disposizioni in materia di giochi pubblici, con o senza vincita in denaro, ammessi nella Repubblica italiana.
E' necessario, infatti, provvedere a un riordino complessivo della materia dei giochi, sulla base dei principi già individuati dalla legge di delega fiscale. Tale riordino deve essere improntato a criteri di trasparenza e garantire una riserva di potestà statale sulla materia.
Il provvedimento, per il quale era stata votata la dichiarazione d'urgenza in Aula lo scorso 14 ottobre, tiene conto dell'esigenza attuale di fronteggiare fenomeni preoccupanti quali l'aumento dell'incidenza delle ludopatie e della propensione dei minorenni al gioco d'azzardo e prevede una limitazione degli apparecchi elettronici per il gioco nei locali pubblici, mentre ulteriori misure riguardano il controllo dei movimenti dei capitali, nonché il contrasto del gioco illegale. Nel testo sono previste anche l'armonizzazione delle competenze di Comuni e Regioni con la disciplina statale e le disposizioni in materia di riorganizzazione del settore ippico. E', dunque, opportuno procedere ad approfondimenti mirati in considerazione del rilevante impatto economico e sociale dell'intervento normativo sul settore dei giochi. 

Fonte: AgiProNews

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive