Il logo no slot senza incentivi è solo propaganda

pubblicato il .

Grazie al Pd nel decreto dignità è stata inserita una norma che prevede che dal 2020 chi gioca alle slot e agli altri apparecchi dovrà indentificarsi con la tessera sanitaria.
Il Pd alla Camera dei Deputati ha fatto un ottimo lavoro: l’identificazione dei giocatori con la tessera sanitaria è una misura che abbiamo sostenuto in questi anni, insieme con il movimento Mettiamoci in gioco, che era contenuta nell’accordo Stato-Regioni e che abbiamo inserito anche nel nostro disegno di legge di riordino del settore dei giochi.
La norma sul logo No Slot è invece una bella iniziativa di propaganda, l’ennesima dimostrazione che il governo vuole intervenire sul gioco facendo finta di ridurre l’offerta e che sia un intervento a costo zero.

Grave l’assenza del gruppo Lega alla commemorazione di Borsellino

pubblicato il .

E’ giusto anche dopo 26 anni ricordare in Parlamento il sacrificio del giudice Borsellino e della sua scorta ed è grave che i senatori della Lega non abbiano partecipato alla seduta e non abbiamo preso la parola, unico gruppo della maggioranza a mancare all’appello. I nomi degli agenti sono stati ricordati dalla presidente Casellati, io voglio ricordare soprattutto Emanuela Loi, la prima donna in servizio in una scorta e purtroppo anche la prima a perdere la vita. Commemorare Borsellino e Falcone non significa solo ricordare il loro sacrificio, ma anche gli strumenti innovativi che hanno messo in campo nella lotta alla criminalizzata organizzata: dall’intuizione di seguire i flussi di denaro della mafia fino alla costruzione della Direzione nazionale Antimafia. E significa anche impegnarsi ancora, ogni giorno, per dare risposte a Fiammetta Borsellino.

Mentre Salvini soffia sull’odio le persone muoiono

pubblicato il .

Le Ong denunciano l’aumento dei morti in mare e Salvini gongola e bolla le notizie come fake news. Invece di ‘tenere duro’, verifichi come è suo dovere quanto ha denunciato Open Arms sulla morte di una donna e di un bimbo, lasciati affogare da una motovedetta libica.
E’ grave che il ministro dell’Interno di un grande paese come l’Italia continui a soffiare sull’odio, nel tentativo peraltro di distrarre le masse dall’inconsistenza del governo Lega-M5s, che niente finora ha combinato.
Nel frattempo persone in carne ed ossa, uomini donne e bambini, perdono la vita nel disperato tentativo di raggiungere il nostro Paese e ciò è intollerabile.
Il Governo deve cercare soluzioni, non fare tweet odiosi.

Governo del cambiamento? Sì, riduce il Pil

pubblicato il .

Sono da poco passati 4 mesi dalle elezioni del 4 marzo. Il cosiddetto "Governo del cambiamento" di Lega e M5S ha prodotto un primo risultato: la revisione al ribasso delle stime UE di crescita del Pil dell’Italia, per il 2018 e 2019.
Tra provvedimenti mai visti, dichiarazioni sull’uscita dall’euro e capri espiatori, tutto è fermo e c’è grande incertezza.
L’esito? Meno ricchezza per tutti, purtroppo per il Paese.