L'emendamento Salvini al decreto sblocca-cantieri è un regalo a illegalità e criminalità

pubblicato il .

Speriamo di essere di fronte ad una irresponsabile provocazione.
L’emendamento presentato oggi al decreto sblocca cantieri delinea una totale deregulation del sistema degli appalti.
Si liberalizza fino al 100% la possibilità di subappalti, si concede la possibilità del massimo ribasso fino a 5 milioni di euro e, nelle offerte più vantaggiose economicamente, si stabilisce che il valore economico possa contare fino al 49%, penalizzando di fatto qualità e sicurezza: tutto questo delinea un quadro pericoloso e inquietante.
Dal Ministro degli Interni che ha oggi annunciato l’andamento presentato al Senato, non arriva un aiuto alle imprese ma un significativo regalo all’illegalità, alla corruzione e alla criminalità organizzata.
Così si peggiora ulteriormente un testo già pericoloso ma che, nei lavori in Commissione, avevamo, certo in maniera insufficiente, migliorato.

Serve più tempo per emendare lo sblocca-cantieri

pubblicato il .

Alle ore 16.00 sono stati presentati in Aula al Senato 4 emendamenti al decreto "Sblocca-cantieri" dai relatori del provvedimento.
Il termine per la presentazione dei sub-emendamenti è stato fissato alle 18.00.
Per questo, durante la discussione generale, ho chiesto più tempo per la presentazione dei sub-emendamenti (il termine era stato fissato precedentemente alle 17.30) in quanto all'inizio erano state annunciate circa 15 proposte di modifica ma poi ne sono state depositate solo 4.

Fonte: Agi

Video dell'intervento in Senato»

Con il decreto sblocca-cantieri ci saranno meno tutele e più illegalità

pubblicato il .

Oggi con Chiara Braga e Paola De Micheli siamo stati al presidio indetto da sindacati, associazioni ambientaliste e antimafia contro il Decreto "sblocca-cantieri".
Condividiamo, infatti, con le forze sindacali e sociali e con le associazioni che si battono per la legalità le ragioni di una ferma opposizione al decreto "sblocca cantieri".
Non è vero che le norme previste velocizzeranno l'apertura dei cantieri e permetteranno più opere pubbliche.
In realtà, il decreto produrrà solo la riduzione delle tutele per i lavoratori e la cancellazione delle norme utili per garantire la legalità.
Tutto si può correggere ma ciò che propone questo Governo va in una direzione pericolosa.
L'idea che per fare più opere pubbliche sia necessario rinunciare a diritti e legalità è inaccettabile.
E' uno scambio che nel nostro Paese riapre spazi alla corruzione e alla criminalità.

Visto l'entusiasmo con cui M5S commenta la revoca di Siri, per coerenza ora blocchino lo sblocca-cantieri

pubblicato il .

Visto l’entusiasmo con cui Di Maio commenta la revoca di Siri immagino che per coerenza ora i 5 Stelle bloccheranno lo sblocca-cantieri. Il decreto che Siri ha costruito e che persegue i suoi obbiettivi: togliere ad Anac poteri e funzioni, alzare le soglie per la trattativa senza gara, liberalizzare i subappalti e tornare al massimo ribasso.
Mandare via Siri, senza fermare la controriforma del codice degli appalti che lui ha voluto, non è un atto di trasparenza ma propaganda!