Il Governo si straccia le vesti per i morti, ma poi condona anche le case a rischio

pubblicato il .

Il governo si è stracciato le vesti per la tragica morte di due famiglie in Sicilia che abitavano in una villetta abusiva troppo vicina ad un fiume, ma negli stessi giorni, all’interno del "Decreto Genova", che doveva occuparsi del crollo del Ponte Morandi, ha inserito il condono per tutte le costruzioni abusive di Ischia, con i parametri del 1985.
Vuol dire sanare tutte le abitazioni e concedere anche un aumento delle volumetrie, a prescindere se le case siano costruite in zone a rischio idrogeologico cioè soggette a frane, smottamenti e alluvioni, o a rischio sismico.
E’ una contraddizione inaccettabile, pericolosa.
Il cosiddetto governo del cambiamento’ non cambia un bel niente per la sicurezza del territorio, anzi guarda indietro. E cancella "Italia sicura" e "Casa Italia", fatte apposta per affrontare il dissesto idrogeologico e il rischio sismico.

Il Consiglio dei Ministri per la fiducia c'è stato o no

pubblicato il .

La maggioranza Lega-M5s non rispetta le regole, neanche quelle minime della democrazia parlamentare.
La fiducia sul decreto sicurezza è stata autorizzata da un Consiglio dei ministri?
Dove e quando si è svolto?
Il ministro Fraccaro ha il dovere di spiegarci costa sta succedendo, perché di questa riunione nessuno sa niente. Aver contratto un patto di governo non significa poter disporre delle istituzioni a proprio piacimento.

Condoni e deroghe di ogni tipo: ecco il governo del cambiamento.

pubblicato il .

Il decreto sicurezza, ribattezzato "decreto Salvini", sta arrivando nell'Aula del Senato.
E' un provvedimento sbagliato, che non servirà a fugare le paure dei cittadini, ma aumenterà i problemi per gli immigrati che già vivono e lavorano in Italia e anche con gli extracomunitari appena arrivati.
Non contiene investimenti sulle Forze dell'Ordine e sulla video sorveglianza, non contiene fondi per la prevenzione e l'integrazione, né per il miglioramento della qualità della vita nelle città. E' solo un manifesto di propaganda per mostrare la faccia cattiva di un governo pericoloso per l'Italia.
Tanto è vero che alcuni senatori del M5s hanno già annunciato che non lo voteranno e che Salvini ha appena annunciato che metteranno la fiducia.
Nel testo, c'è persino una norma che stabilisce che i nuovi centri di permanenza temporanei per i rimpatri siano costruiti in deroga alle norme urbanistiche. Un vero scandalo, considerando che ho passato tutta la passata legislatura a sentire il M5s nelle aule parlamentari dire che le deroghe alle norme urbanistiche sono foriere di illegalità e che chi le propone è un disonesto e mette in campo strumenti per favorire l’illecito e la corruzione.
Ora che le deroghe le approvano loro, invece, va tutto bene.
Condoni e deroghe di ogni tipo.
Ecco il governo del cambiamento.

Il decreto sicurezza non sta in piedi

pubblicato il .

E’ del tutto evidente che alla prova del dibattito parlamentare e della discussione nell’opinione pubblica il Dl sicurezza non regge e non sta in piedi.
Siamo di fronte ad un provvedimento di pura propaganda che porterà solo guai al Paese.
Ed è per questo che oggi Salvini comincia a dire che l’ipotesi di mettere la fiducia sul decreto è reale.
Ora il M5S cercherà di far digerire le assurde norme contenute in quel testo ai dissidenti grillini.
Ma è sempre più forte la sensazione che, per paura che una delle bandiere del governo gialloverde venga bocciata dal Parlamento, Salvini e Di Maio ricorreranno alla fiducia, obbligando l’Italia a norme pericolose, inutili e sbagliate.