Doveroso informare il Parlamento sui rapporti poco chiari con la Russia

pubblicato il .

Siamo soddiafatti. Il Pd ha ottenuto che il Presidente Conte venga al Senato il 24 luglio a riferire sui legami, davvero poco chiari, tra la Russia e la Lega.
È giusto e doveroso che il Parlamento venga informato su fatti che riguardano un partito della maggioranza di governo, che possono inquinare la vita democratica del nostro Paese con il rischio che rapporti poco trasparenti condizionino la nostra politica estera e la sua collocazione internazionale.

Vergognoso teatrino sul Decreto Sicurezza Bis

pubblicato il .

E' appena andato in scena l'ennesimo vergognoso teatrino tra Salvini e Di Maio, questa volta sul "Decreto Sicurezza Bis" e sulla pelle delle Forze dell'ordine e dei Vigili del Fuoco.
Ora sembra che la Camera dei Deputati discuterà gli emendamenti che riguardano i buoni pasto, le ore di straordinario, le uniformi, la manutenzione di caserme e nuove sedi, come ha elencato il ministro dell'Interno, cantando vittoria.
Tutte questioni che sono di sua competenza e di cui si era dimenticato, perché invece di lavorare fa propaganda.

Decreto sicurezza bis, fisco e conti pubblici

pubblicato il .

Interventi a UnoMattina su Raiuno (video).

Sicurezza - Il decreto sicurezza bis - che dobbiamo ancora leggere nel dettaglio perché è stato approvato l'altro giorno dal Consiglio dei Ministri - così come quello precedente su questo tema, serve più a usare il tema della sicurezza per speculare un po’ sulle paure piuttosto che a risolvere i problemi.
Mi pare che il cuore di questo decreto sia quello di dare un messaggio: chi salva i migranti in mare non lo deve fare; il problema del Paese sono le ONG per cui si mettono multe o altro.
Io, invece, penso che i problemi che andrebbero affrontati siano altri: i respingimenti, i rimpatri, in particolare i rimpatri volontari per cui sono stati tolti i soldi, con il precedente decreto sicurezza, che servivano ad aiutare le persone che volevano ritornare nel proprio Paese d’origine a farlo.
Penso anche che un altro grande problema che non si vuole affrontare sia quello degli sbarchi fantasma, cioè le migliaia di persone che arrivano dalla Tunisia con piccole barche, attraverso organizzazioni criminali anche italiane che garantiscono poi anche l’arrivo a destinazione.