Mozione sul contrasto alla dispersione scolastica e alla povertà educativa

pubblicato il .

Adesione ad una mozione dei senatori PD riguardante le misure volte a contrastare il fenomeno della dispersione scolastica e della povertà educativa, potenziando l'organico dell'autonomia della scuola dell'infanzia e della scuola primaria, con attenzione al problema degli insegnanti precari.

Testo della mozione:

Atto n. 1-00010 - Pubblicato il 29 maggio 2018, nella seduta n. 7
Senatori firmatari: Malpezzi, Mirabelli, Valente, Ferrari, Alfieri, Biti, Comincini, Iori, Magorno, Nannicini, Parrini, Rampi, Sbrollini.

Il Senato,
premesso che:

13° Territorio, ambiente, beni ambientali

pubblicato il .

La competenza della 13ª Commissione permanente del Senato comprende, oltre alla salvaguardia dell'ambiente in generale, le questioni relative alla difesa del suolo, all'urbanistica e all'edilizia, alla protezione del mare e delle coste, alla prevenzione degli eventi calamitosi ed alla ricostruzione delle zone danneggiate, nonché le materie dei parchi naturali e della caccia.
Nella competenza della 13a Commissione rientrano anche la materia della tutela e gestione del patrimonio boschivo e di quello faunistico, le materie della protezione civile e dell'inquinamento, nonché quella della realizzazione di alloggi da destinare a locazioni in favore di particolari categorie sociali e tutti i profili relativi all'impatto ambientale e paesaggistico delle opere e dei programmi pubblici.
Inoltre, la Commissione si interessa della materia delle cave e delle torbiere e condivide con la Commissione giustizia le competenze in tema di locazione, equo canone e sfratti.

Decreto sicurezza bis, fisco e conti pubblici

pubblicato il .

Interventi a UnoMattina su Raiuno (video).

Sicurezza - Il decreto sicurezza bis - che dobbiamo ancora leggere nel dettaglio perché è stato approvato l'altro giorno dal Consiglio dei Ministri - così come quello precedente su questo tema, serve più a usare il tema della sicurezza per speculare un po’ sulle paure piuttosto che a risolvere i problemi.
Mi pare che il cuore di questo decreto sia quello di dare un messaggio: chi salva i migranti in mare non lo deve fare; il problema del Paese sono le ONG per cui si mettono multe o altro.
Io, invece, penso che i problemi che andrebbero affrontati siano altri: i respingimenti, i rimpatri, in particolare i rimpatri volontari per cui sono stati tolti i soldi, con il precedente decreto sicurezza, che servivano ad aiutare le persone che volevano ritornare nel proprio Paese d’origine a farlo.
Penso anche che un altro grande problema che non si vuole affrontare sia quello degli sbarchi fantasma, cioè le migliaia di persone che arrivano dalla Tunisia con piccole barche, attraverso organizzazioni criminali anche italiane che garantiscono poi anche l’arrivo a destinazione.

Si approva testo che non sbloccherà nulla

pubblicato il .

Dopo la sceneggiata di questi giorni sul Codice degli Appalti oggi la maggioranza trova un compromesso, inutile e dannoso, e approva l’articolo 1 del decreto "sblocca-cantieri".
Dopo aver bloccato il Paese e le opere per mesi col "contratto di governo" ora con questo decreto introducono più confusione, disordine e terreno più fertile per chi vuole corrompere. Non ci saranno più cantieri ma meno certezze per le imprese e più occasioni per il malaffare.
Il governo e la maggioranza M5S-Lega hanno prodotto un testo pasticciato: questo decreto sicuramente non velocizzerà i cantieri, non sbloccherà un bel niente e diminuirà le tutele di legalità e di sicurezza sul lavoro.