Dopo il varo della manovra serve una riforma complessiva del settore dei giochi

pubblicato il .

Subito dopo la manovra credo che sia opportuno che la maggioranza affronti una riforma complessiva del settore dei giochi, per puntare a ridurre sia la domanda che l'offerta.
Continuare ad aumentare il Prelievo erariale unico, se da un lato risponde a legittime esigenze di bilancio, dall'altro penalizza le imprese del settore e non va nella giusta direzione.
Bisogna valutare piuttosto l'aumento della tassazione sulle vincite per incrementare il gettito complessivo, ma anche rimettere mano alla governance dell'intero settore.

Disegno di Legge che ho presentato in materia»

Una manovra che farà bene all'Italia

pubblicato il .

Stiamo facendo una manovra economica importante e positiva per il Paese.
Avevamo la priorità di non fare aumentare l’IVA.
Siamo partiti da qui ma deve essere chiaro che questa eredità lasciata del Governo di Salvini costa 23 miliardi e assorbe gran parte delle risorse disponibili.
Ottenuto questo risultato che tranquillizza tutti i cittadini, abbiamo messo al centro lavoratori e imprese: con il taglio del cuneo fiscale resteranno più soldi nella busta paga dei lavoratori e la proroga di “Industria 4.0” darà più opportunità alle imprese che investono sul futuro.
Abbiamo pensato alle famiglie, con l’assegno unico per i figli e mettendo un miliardo per finanziare il Piano Casa.
Ci siamo preoccupati di mettere investimenti pubblici e di incentivare quelli privati per favorire l’economia circolare e avviare la transizione ecologica dell’economia preoccupandoci del futuro e della sostenibilità ambientale.
Dopo un Governo che ha fatto 9 condoni in un anno e mezzo cedendo sul fronte della legalità, abbiamo dato una svolta importante alla lotta all’evasione fiscale a partire dagli incentivi per i pagamenti elettronici.
È una manovra piena delle idee e delle proposte del PD che farà bene all’Italia e agli italiani, che hanno più bisogno di giustizia sociale e serenità economica.

Nella manovra ci saranno 50 miliardi in investimenti green

pubblicato il .

Siamo dalla parte dei ragazzi che ieri hanno manifestato per salvare il Pianeta e per il proprio futuro. Per noi è una priorità.
Vogliamo investire 50 miliardi nelle nuove tecnologie verdi, nell’economia circolare e per ridurre i consumi energetici.
Tutto questo, nei prossimi anni, porterà anche più lavoro e porterà anche bollette meno care.

Video della dichiarazione al Tg2»
Video della dichiarazione al Tg5»