Decreto sicurezza bis, fisco e conti pubblici

pubblicato il .

Interventi a UnoMattina su Raiuno (video).

Sicurezza - Il decreto sicurezza bis - che dobbiamo ancora leggere nel dettaglio perché è stato approvato l'altro giorno dal Consiglio dei Ministri - così come quello precedente su questo tema, serve più a usare il tema della sicurezza per speculare un po’ sulle paure piuttosto che a risolvere i problemi.
Mi pare che il cuore di questo decreto sia quello di dare un messaggio: chi salva i migranti in mare non lo deve fare; il problema del Paese sono le ONG per cui si mettono multe o altro.
Io, invece, penso che i problemi che andrebbero affrontati siano altri: i respingimenti, i rimpatri, in particolare i rimpatri volontari per cui sono stati tolti i soldi, con il precedente decreto sicurezza, che servivano ad aiutare le persone che volevano ritornare nel proprio Paese d’origine a farlo.
Penso anche che un altro grande problema che non si vuole affrontare sia quello degli sbarchi fantasma, cioè le migliaia di persone che arrivano dalla Tunisia con piccole barche, attraverso organizzazioni criminali anche italiane che garantiscono poi anche l’arrivo a destinazione.

Si approva testo che non sbloccherà nulla

pubblicato il .

Dopo la sceneggiata di questi giorni sul Codice degli Appalti oggi la maggioranza trova un compromesso, inutile e dannoso, e approva l’articolo 1 del decreto "sblocca-cantieri".
Dopo aver bloccato il Paese e le opere per mesi col "contratto di governo" ora con questo decreto introducono più confusione, disordine e terreno più fertile per chi vuole corrompere. Non ci saranno più cantieri ma meno certezze per le imprese e più occasioni per il malaffare.
Il governo e la maggioranza M5S-Lega hanno prodotto un testo pasticciato: questo decreto sicuramente non velocizzerà i cantieri, non sbloccherà un bel niente e diminuirà le tutele di legalità e di sicurezza sul lavoro.

Dal Governo un pasticcio che non sbloccherà i cantieri

pubblicato il .

Dichiarazioni ai Tg.

Le divisioni della maggioranza sul decreto “sblocca-cantieri” hanno prodotto un testo pasticciato che dà meno certezze alle imprese, che crea confusione; sicuramente non velocizzerà i cantieri, non sbloccherà niente e diminuirà le tutele di legalità e di sicurezza sul lavoro.
Video della dichiarazione»

Chi ha bloccato i cantieri quest’anno oggi non li sblocca con il decreto “sblocca-cantieri” ma con quel testo si abbassano di molto le tutele di legalità e quelle per i diritti dei lavoratori.

L'emendamento Salvini al decreto sblocca-cantieri è un regalo a illegalità e criminalità

pubblicato il .

Speriamo di essere di fronte ad una irresponsabile provocazione.
L’emendamento presentato oggi al decreto sblocca cantieri delinea una totale deregulation del sistema degli appalti.
Si liberalizza fino al 100% la possibilità di subappalti, si concede la possibilità del massimo ribasso fino a 5 milioni di euro e, nelle offerte più vantaggiose economicamente, si stabilisce che il valore economico possa contare fino al 49%, penalizzando di fatto qualità e sicurezza: tutto questo delinea un quadro pericoloso e inquietante.
Dal Ministro degli Interni che ha oggi annunciato l’andamento presentato al Senato, non arriva un aiuto alle imprese ma un significativo regalo all’illegalità, alla corruzione e alla criminalità organizzata.
Così si peggiora ulteriormente un testo già pericoloso ma che, nei lavori in Commissione, avevamo, certo in maniera insufficiente, migliorato.