Quali sono gli indirizzi del Governo in materia di politica economica internazionale

pubblicato il .

Adesione ad un'interrogazione del PD sugli indirizzi del Governo in materia di politica economica internazionale.

Testo dell'interrogazione:

Atto n. 3-00700 (con carattere d'urgenza) - Pubblicato il 19 marzo 2019, nella seduta n. 99

Ai Ministri degli affari esteri e della cooperazione internazionale e dello sviluppo economico.

Premesso che:

alla fine del 2013 il Governo cinese ha lanciato la "Belt and road initiative" (BRI), un programma di investimenti infrastrutturali che punta a sviluppare la connettività e la collaborazione tra la Cina e almeno altri 70 Paesi localizzati in un'area che rappresenta un terzo del PIL mondiale, racchiudendo almeno il 70 per cento della popolazione e con oltre il 75 per cento delle riserve energetiche globali;

l'obiettivo principale della BRI è quello di creare un grande spazio economico eurasiatico integrato, mediante l'apertura di due corridoi infrastrutturali fra Estremo Oriente e continente europeo, uno terrestre, "Silk road economic belt", e uno marittimo, "Maritime silk road".

In aggiunta alle due vie, marittima e terrestre, il Governo cinese a gennaio 2018 ha annunciato l'intenzione di realizzare una "via della seta polare", che si dovrebbe sviluppare lungo tre rotte attraverso l'Artico: un passaggio a nord-est in Russia, uno centrale e uno a nord-ovest in Canada;

secondo diversi analisti, la BRI è un progetto attraverso il quale la Cina sta provando ad assicurarsi influenza sull'economia mondiale per i prossimi decenni, legando a sé moltissimi Paesi tramite prestiti, finanziamenti e il controllo diretto di grosse infrastrutture commerciali. In tal senso, si pensi all'acquisto da parte dell'impresa cinese "Cosco del Pireo" nel 2016, che con 368,5 milioni di euro ha acquisito il 51 per cento del capitale della "Piraeus port Authority", nonché all'acquisto di diversi asset sovrani come quelli del Venezuela, Sri Lanka, Kenya e Pakistan;

prossimamente l'Italia potrebbe sottoscrivere un memorandum di intesa per sostenere la "Belt and road initiative", come dichiarato al "Financial Times" dal sottosegretario di Stato per lo sviluppo economico Michele Geraci, spiegando che sono ancora in corso negoziati tra Cina e Italia ma che il documento potrebbe essere firmato già durante la visita in Italia del presidente cinese Xi Jinping a fine marzo. Già nel settembre 2018 il vice presidente del Consiglio dei ministri, Luigi Di Maio, durante una visita istituzionale a Chengdu, si era detto pronto a firmare un memorandum di adesione alla BRI. Tale iniziativa connoterebbe l'Italia come l'unico Paese del G7 e dell'Europa occidentale a siglare un patto ufficiale con Pechino sull'iniziativa;

come riportato da diversi organi di stampa, la scelta del Governo italiano di aderire alla BRI desterebbe notevole preoccupazione presso gli Stati Uniti; secondo quanto fatto trapelare dall'amministrazione statunitense, tale scelta minerebbe la collaborazione tra le aziende americane e italiane, nonché l'interoperatività della Nato, mettendo in sostanza a rischio la nostra funzionalità nell'Alleanza Atlantica. Si aggiunga che nell'aprile 2018 gli ambasciatori di tutti i Paesi UE, ad eccezione dell'Ungheria, hanno firmato un report critico sul progetto di Pechino, sottolineandone la mancanza di trasparenza e il fatto che l'iniziativa, al momento, promuova esclusivamente gli interessi commerciali delle aziende cinesi;

il 19 settembre 2018, inoltre, l'Alto rappresentante UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini, congiuntamente con la Commissione europea, ha presentato la "EU-Asia connectivity strategy", il progetto dell'Unione europea per migliorare la connettività infrastrutturale, digitale, energetica e culturale fra i due continenti, nel quale sono riaffermati i principi di trasparenza, libero scambio, sostenibilità e protezione dei diritti alla base delle democrazie occidentali quali premesse essenziali per la realizzazione di progetti infrastrutturali internazionali;

l'11 marzo 2019, nel corso della conferenza stampa seguita al consiglio federale della Lega, a Milano, il vice presidente del Consiglio dei ministri Matteo Salvini in merito all'accordo italo-cinese sulla BRI ha sostenuto che «se può aiutare le imprese italiane a investire all'estero siamo disponibili a ragionare con tutti, ma se si tratta di colonizzare l'Italia e le sue imprese da parte di potenze straniere, no»;

inoltre, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Giancarlo Giorgetti, anche lui presente alla conferenza stampa, ha chiarito che l'accordo italo-cinese «non potrà contenere impegni che possano creare interferenze di ordine strategico per il consolidato posizionamento del Paese». Queste dichiarazioni evidenziano solo l'ultimo di una lunga serie di episodi di aperta conflittualità all'interno della maggioranza di Governo,

si chiede di sapere:

quali siano i reali intendimenti del Governo in merito alla firma del memorandum di adesione alla "Belt and road initiative";

quali siano le valutazioni in merito al progetto "EU-Asia connectivity strategy";

se siano cambiate le valutazioni in merito al report sottoscritto dagli ambasciatori europei nell'aprile 2018 e alle criticità evidenziate relativamente alla BRI;

se i Ministri in indirizzo non ritengano doveroso e urgente chiarire quali siano gli indirizzi in materia di politica economica internazionale.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive