Togliere lo strumento di tracciabilità dei rifiuti è grave

pubblicato il .

Intervento in Senato durante la discussione di un emendamento al Decreto Semplificazioni riguardante il SISTRI (video).

Noi pensiamo che l’abolizione del SISTRI, per quanto sicuramente strumento imperfetto di registrazione e tracciabilità, senza mettere in campo un’altra soluzione e senza lasciare nessuno strumento di tracciabilità dei rifiuti e dei loro percorsi in un momento in cui tutte le Procure dicono che proprio sul traffico dei rifiuti la mafia si sta allargando e la cronaca racconta di molti episodi di incendi di depositi di rifiuti sia legali che, soprattutto, illegali situati in capannoni, pensiamo che sia grave e lasci lo spazio a chi vuole approfittarsene.
L’emendamento che andiamo a votare purtroppo non è nelle condizioni di proporre un’alternativa al SISTRI applicabile subito.
Quello che si può fare è chiedere che a brevissimo - entro giugno - il Governo provveda ad introdurre un altro strumento di tracciabilità e di registrazione dei percorsi dei rifiuti per evitare che nella assoluta mancanza di qualunque tipo di tracciabilità, di trasparenza e di verifica possa succedere che le mafie, che già di questo si occupano e si occupano molto, vadano avanti ad occuparsene e a proliferare.
Non ditemi che noi siamo malfidenti e le persone per bene sono la maggioranza. Sicuramente le persone per bene sono la maggioranza ma il traffico dei rifiuti, come attestano le inchieste, è un problema molto serio.

Video dell'intervento»


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive