Le priorità per il Governo sono la lotta ai mutamenti climatici, la transizione ambientale dell'economia, lo sviluppo sostenibile

pubblicato il .

Intervento in Senato durante la discussione del decreto legge sul clima (video).

Penso che il decreto-legge sul Clima che stiamo esaminando sia importante, un primo passo sicuramente, ma un passo sostanziale. Con questo provvedimento si avvia infatti un percorso che l'attuale Governo ha messo al centro della propria azione. La lotta ai mutamenti climatici, la transizione ambientale dell'economia, lo sviluppo sostenibile sono priorità per questo Governo, una sua ragione fondante, la scelta più evidente di discontinuità con il passato.
Con questo decreto-legge, e le tante norme contenute nel disegno di legge di bilancio - su cui tornerò - proprio su questo punto diamo concretezza al nostro impegno. Dobbiamo rispondere a una situazione reale; agli effetti dell'inquinamento, dei mutamenti climatici, del dissesto idrogeologico. Lo dobbiamo ai ragazzi e alle ragazze che chiedono futuro, che ci chiedono di difendere il Pianeta, che ci chiedono di cambiare tutto.
Abbiamo bisogno di assumere il tema della sostenibilità, dello sviluppo sostenibile come questione centrale, come compatibilità necessaria e ineludibile: sostenibilità ambientale, sociale, economica.

Sulla mafia non si fanno campagne elettorali

pubblicato il .

Intervento in Senato (video).

Sento il dovere di intervenire brevemente, perché credo che non si faccia così e che il tema della mafia non possa essere usato strumentalmente come una clava contro gli avversari politici.
Questo Parlamento, se dà il segnale che nella lotta alla mafia è divisa perché è sempre un problema degli altri, fa un grande favore alla mafia.
Lo dobbiamo sapere, perché la mafia la si combatte tutti insieme, non lanciandoci strali quando tocca a Siri o a un altro parlamentare. È giusto che la Commissione antimafia discuta.
Credo che debba discutere sulle cose reali.

Confrontiamoci su come velocizzare processi

pubblicato il .

Nel corso dell’audizione del ministro Bonafede in Senato, ho condiviso la necessità di velocizzare i processi penali e civili, trovando anche altri strumenti, nella certezza del diritto per i cittadini.
Ho avanzato due proposte su cui aprire un confronto per alleggerire la macchina della giustizia: la possibilità che il Procuratore generale avochi quei processi che procedono troppo lentamente e quella che i processi per alcuni circoscritti reati minori possano estinguersi dopo il proscioglimento in primo grado.
Ho sottolineato poi la necessità, nell’ambito dell’assunzione di personale di cui ha parlato lo stesso ministro, di dare priorità ai dirigenti degli istituti penitenziari, ora purtroppo costretti a guidare più carceri, sia per adulti che per minori.

Il mercato della pubblicità esterna tra opportunità e vincoli

pubblicato il .

Intervento al convegno "Il mercato della pubblicità esterna tra opportunità e vincoli" (video).

Penso che i politici debbano provare a fare le cose, ascoltando e confrontandosi con gli operatori dei vari settori.
Dall’incontro “Il mercato della pubblicità esterna tra opportunità e vincoli” abbiamo imparato alcune cose e si può discuterne per capire cosa proporre per affrontare le questioni che sono state poste.
Molte delle questioni che sono state poste sono legate ad un contesto generale.
Il mercato della pubblicità non è calato: gli stanziamenti per la pubblicità da parte delle imprese non sono diminuiti in generale, nonostante la crisi, ma la pubblicità esterna e in particolare la cartellonistica hanno subito un restringimento. Probabilmente questa situazione è legata anche al fatto che le detrazioni fiscali del 75% che vengono garantite a chi fa pubblicità su giornali e tv (dove finisce gran parte della pubblicità) non sono previste per la pubblicità esterna. Se queste detrazioni fiscali del 75% venissero estese anche alla cartellonistica potrebbero essere utili. Ovviamente, occorre prima capire quanto costerebbe questa operazione e se è possibile farla. Questa verifica si può anche fare rapidamente.