m6

Gestione dei beni confiscati, sbarchi di migranti e traffici, internazionalizzazione delle mafie

Intervento in Commissione Parlamentare Antimafia durante l'audizione del Ministro dell'interno Luciana Lamorgese (video).

Ringrazio il Ministro Lamorgese per la relazione che ha svolto alla Commissione Parlamentare Antimafia, in cui sono stati presentati dati importanti e, soprattutto, si dà il senso di quanto lo Stato sia impegnato nella lotta alla mafia e quante cose sono state messe in campo, dal punto di vista legislativo e del contrasto, in grado anche di garantire risultati importanti.
Ringrazio il Ministro Lamorgese perché con la sua presenza in Commissione Antimafia ristabilisce anche una modalità di collaborazione tra la Commissione e il Ministero degli Interni che era stata interrotta e che, invece, credo che debba andare avanti per tutta la parte restante della Legislatura. Penso, infatti, che una collaborazione tra Commissione Antimafia e Ministero degli Interni sia dovuta e necessaria e di reciproco interesse.
Il lavoro che abbiamo fatto in Commissione mi porta a condividere molto delle assi portanti del ragionamento fatto dal Ministro, a partire dalla forza con cui ha spiegato che la lotta alle mafie è una priorità assoluta.

Renzi la smetta coi distinguo o non andiamo lontano

Intervista di Affaritaliani.

"Penso che sia sbagliato dare un giudizio su un percorso politico possibile soltanto dopo un appuntamento in cui francamente era molto complicato vincere". Il vicecapogruppo del Partito Democratico al Senato, Franco Mirabelli, intervistato da Affaritaliani.it, commenta la chiusura di Luigi Di Maio ad alleanze in altre Regioni dopo i risultati delle elezioni in Umbria. "Dobbiamo costruire un'alternativa a Salvini e ai sovranisti a partire dal governo nazionale. La prima cosa da fare è preoccuparsi di far funzionare l'azione dell'esecutivo e di valorizzare tutto ciò che di buono viene fatto con la manovra di bilancio, evitando distinguo ogni giorno. Poi sui territori vedremo se si verificheranno le condizioni. L'Umbria è stata una forzatura e il tentativo di fermare l'avanzata del Centrodestra, che già governava in tante città di quella Regione. L'alleanza fatta così in un solo mese è stata davvero difficile".
Guardando ai prossimi appuntamento elettorali, Mirabelli afferma: "L'Emilia Romagna e la Calabria non sono la stessa cosa. E' evidente che non possiamo costruire una coalizione nelle Regioni partendo dai motivi per cui è nato il governo nazionale, cioè evitare che i sovranisti vincano e governino. Questo non è un argomento forte a livello locale.

Importante rimettere i beni confiscati a disposizione della parte più fragile della società

Intervento svolto all'inaugurazione del progetto La tua casa, che vede la nascita di una comunità per mamme in difficoltà in una villa confiscata alla 'ndrangheta a Buccinasco (video).

Questa è sicuramente una bella giornata di festa e credo che si debbano ringraziare soprattutto l’amministrazione comunale, l’Associazione Ai.Bi. Amici dei Bambini, la Cooperativa Sociale AIBC e quanti hanno pensato al progetto che vede la luce nella villetta confiscata alla ‘ndrangheta a Buccinasco.
Vorrei cercare di dare il segno dell’importanza che ha un momento come questo e il rimettere a disposizione di una comunità un bene confiscato alle mafie.
Credo che esempi come questo di Buccinasco mostrino chiaramente quanto sia importante la legge Rognoni – La Torre, con cui si è introdotto il tema della confisca dei beni nella legislazione italiana. Questa è una legge importante perché colpisce le mafie dove fa loro più male, i soldi e i patrimoni e glieli porta via. E poi è una legge importante anche perché dà un segnale alla società, alla società libera e legale e alle persone per bene, in quanto si restituiscono alla società i bene sequestrati ai mafiosi.