m6

Il Ministro dell'Interno intervenga sul degrado in Via Gola

Come ho notato in un sopralluogo, il quartiere delle case popolari di Via Gola, Via Pichi e via Borsi a Milano, di proprietà di A.L.E.R., si trova in una situazione di forte degrado, con molti stabili in condizioni di abbandono, con ristrutturazioni non completate a causa dei fallimenti delle imprese a cui erano stati appaltati i lavori, ponteggi montati e abbandonati, balconi lasciati pericolanti e puntellati da anni; ai lati delle strade permangono nel tempo vere e proprie discariche di oggetti accatastati di ogni tipo.
Di fronte a questo scenario le persone si sentono più fragili, sole e impaurite; si diffonde la percezione di assenza da parte dello Stato e l’illegalità occupa tutti gli spazi. 
Da tempo le associazioni del quartiere e il Comune di Milano sono attivi per cercare di trovare soluzioni che possano garantire tranquillità e decoro al territorio oltre che il ripristino della legalità, sollecitando le istituzioni ad intervenire.

Ritrovata la sintonia con il popolo, si riparte da qui

Due giornate straordinarie!
Abbiamo ritrovato sintonia con un popolo che reagisce contro questo Governo, contro i razzismi e l’intolleranza, contro chi vuole trasformare la democrazia in un regime in cui non c’è confronto di idee ma solo delegittimazione di chi non è d’accordo.
Abbiamo eletto un Segretario che ha sostenuto per mesi ovunque una proposta chiara per il futuro e non ha detto una sola parola contro gli altri candidati in tutto il congresso.
Si riparte da qui, nessuno si senta escluso!

Inoltre, anche dalla Lombardia arriva un dato molto importante per la vittoria di Nicola Zingaretti alle Primarie del Pd.
A scrutinio ultimato, su 220 mila partecipanti, Nicola Zingaretti con 144mila voti è al 65,1%, Maurizio Martina con 49mila voti è al 22,1% e Roberto Giachetti con 28mila voti è al 12,7%.

Il Ministro degli Interni garantisca la sicurezza ai cittadini

Intervento in Senato sulle vicende di Rozzano e Basiglio (video).

Intervengo per richiamare l’attenzione dell’Aula del Senato sui fatti che sono recentemente assurti agli onori delle cronache che sono avvenuti in provincia di Milano in questi giorni. In particolare, mi riferisco a due gravi fatti di sangue che hanno segnato le cronache: ci sono stati due omicidi in strada di due anziani, probabilmente non collegati tra di loro; due aggressioni armate di due persone che hanno sparato in mezzo alla gente.
Lo sottolineo perché non ho letto nessuna reazione da parte del Ministero degli Interni, che invece credo che debba dare attenzione ad una situazione inedita e preoccupante per quei territori, quali sono Rozzano e Basiglio, per quest'ultimo la situazione è ancora più inedita.
Credo che, se il Ministro degli Interni riuscisse a ritagliasse qualche minuto per concentrarsi sul proprio lavoro, invece che occuparsi di tutto lo scibile umano o delle elezioni che si susseguono in questo Paese, sarebbe utile.
Con la legittima difesa e la propaganda che si sta facendo su questo tema, si sta già facendo passare l’idea che lo Stato non è in grado di difendere le persone nella propria casa e, quindi, si dà il messaggio “difendetevi da soli”.