m6

Inaccettabili comportamenti che mettono in discussione la convivenza democratica

Intervento in Senato sul raid degli antagonisti al Circolo PD del Corvetto dove era in corso una riunione del sindacato SUNIA.

Intervengo in Senato, anche a nome degli altri colleghi, sui fatti verificatisi questo pomeriggio a Milano, che reputo gravissimi.
Fortunatamente non ci sono state vittime e non si è fatto male nessuno, ma credo che questo Parlamento debba guardare con preoccupazione a quello che è successo.
Quindici delinquenti - perché di questo si tratta - incappucciati, con striscioni che si richiamavano a movimenti antagonisti, sono entrati in una sede del Partito Democratico, dove si svolgeva una riunione del sindacato degli inquilini SUNIA (quindi erano riuniti prevalentemente pensionati e cittadini per discutere del loro quartiere e della condizione delle loro case) e questi delinquenti hanno devastato la sede, hanno lanciato fumogeni e svuotato gli estintori ed hanno spaventato moltissimo chi era lì in riunione.

Seveso e il progetto Italia Sicura

Il Decreto Sblocca Italia interviene anche nelle questioni che riguardano gli interventi necessari per far fronte al dissesto idrogeologico, che in questo Paese è un problema che purtroppo non riguarda solo il Seveso e Niguarda ma che, soprattutto nelle ultime settimane, ha creato molti problemi in tante Regioni.
Le cause del dissesto sono note: lo sviluppo urbanistico spesso scriteriato, la mancanza di rispetto del territorio, l’eccesso di cementificazione che ha portato poi le situazioni che abbiamo visto a Genova o in Toscana, dove il terreno non è più in grado di assorbire l’acqua e i fiumi non hanno più possibilità di sfogo e poi succede ciò che sta succedendo.
Servono interventi rapidi che non possono più essere ritardati, come invece è stato fino ad ora. E l’idea di fondo del Decreto Sblocca Italia è proprio quella di creare le condizioni affinché i tribunali Amministrativi, le burocrazie e gli interessi di parte non possano più bloccare i lavori necessari per la messa in sicurezza dei territori.
Quel decreto si collega al Progetto Italia Sicura e alla scelta del Governo di istituire una task force con a capo Erasmo De Angelis che avrà il compito di occuparsi di spendere subito i soldi messi a disposizione per la realizzazione delle opere, definire i progetti e poi seguire i lavori passo.

Ordine del Giorno della Lega allo Sblocca Italia per non realizzare le vasche per il Seveso

Oggi in Commissione Territorio e Ambiente al Senato la Lega ha presentato un Ordine del Giorno - il numero 124 - al Decreto Sblocca Italia con cui chiede al Governo di non realizzare le vasche di laminazione per il Seveso a Senago, che eviterebbero nuove esondazioni su Milano.
Mentre Maroni, al governo della Regione Lombardia, assicura che si farà tutto ciò che è stato deciso per evitare nuove esondazioni del Seveso a Milano, a Roma i suoi parlamentari strizzano l'occhio ai comitati di Senago che non vogliono l'opera sul loro territorio.
A questo punto è chiaro che, mentre il Governo ha messo in campo soldi e provvedimenti per fare in fretta a realizzare le vasche e la depurazione delle acque, la Lega mantiene le ambiguità che in questi anni hanno rallentato le soluzioni e penalizzato i cittadini del quartiere di Niguarda.