m6

L'impatto positivo di Expo 2015

Poche settimane fa proprio nella nostra zona, nella splendida location dell'Hangar Bicocca, centinaia di personalità, studiosi, amministratori, uomini e donne della cultura e delle professioni, si sono ritrovate per discutere del tema che caratterizzerà Expo 2015 e che si riassume in "Nutrire il Pianeta". Quella iniziativa ci dà l'occasione, a 100 giorni dall'inaugurazione di Expo il 1 maggio, di fare il punto sull'evento in generale ma anche sull'impatto che ha avuto e avrà sulla nostra zona.
I lavori per la realizzazione del sito sono a buon punto e tutti i Paesi hanno iniziato a costruire i propri padiglioni; servizi e opere connesse proseguono con un ritmo che rende concreta la possibilità di iniziare la manifestazione con tutto pronto per ospitare i venti milioni di visitatori che si attendono da tutto il mondo. Sono già otto milioni i biglietti venduti, mai così tanti a quattro mesi dalla inaugurazione, e Milano è considerata da tutte le riviste specializzate americane ed europee la meta da preferire nel 2015 proprio grazie a Expo.
A ciò vanno aggiunte le migliaia di iniziative culturali che si svolgeranno nel Fuori Expo e che animeranno la città metropolitana per 180 giorni e ciò che l'esposizione internazionale lascerà a Milano in termini di infrastrutture: due nuove linee metropolitane, la ristrutturazione della Darsena, nuovi collegamenti con gli aeroporti milanesi.

Riflessioni sulla ‘ndrangheta al Nord dopo l’inchiesta Aemilia

Provo a dare un contributo per ciò che abbiamo capito in questi due anni di lavoro in Commissione Parlamentare Antimafia, in cui la questione della presenza delle mafie al Nord è stata scelta come una delle priorità di cui occuparci.
Molte delle cose che racconterò, le ritroviamo nell’inchiesta Aemilia che coinvolge anche il territorio di Mantova e che abbiamo osservato in molte delle inchieste che a Como, Lecco e a Milano si sono sviluppate in questi ultimi mesi, producendo anche molti successi dello Stato. La mafia e la ‘ndrangheta, infatti, sono forti ma lo Stato ha saputo intervenire e ha saputo investigare e dare colpi importanti che ci hanno consentito di capire meglio questa realtà.
Sulla base di quanto emerso dagli ultimi studi presentati, a mio avviso, è possibile avere un quadro diverso rispetto all’idea che avevamo anni fa, secondo cui la ‘ndrangheta al Nord era rappresentata dalla persona che mentre era arrivata per un soggiorno obbligato trafficava e si infiltrava in qualche Pubblica Amministrazione o in qualche impresa oppure dall’altra parte il colletto bianco che arrivava dalla Calabria con la valigetta piena di soldi frutto della vendita della droga per investirli in borsa.

Milleproroghe: la richiesta di sospensione sfratto per indigenti sia gratis

Il decreto milleproroghe, che l'Aula del Senato approverà domani in via definitiva e che dunque non può essere ulteriormente modificato, riconosce 4 mesi di tempo agli affittuari morosi per indigenza per chiedere al magistrato competente la sospensione dello sfratto, in modo da permettere il passaggio da casa a casa.
E' chiaro che queste persone e queste famiglie non possono sostenere la spesa della procedura di richiesta al tribunale e per questo ho presentato un ordine del giorno.
Con l'ordine del giorno chiedo al Governo di intraprendere ogni iniziativa affinché in tutta la fase attuativa della norma le procedure siano semplificate e che l'accesso per le famiglie sia gratuito o quasi.

Testo dell'Ordine del Giorno A.S. 1779
 
Il Senato,

in sede di esame del disegno di legge di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative (A.S.1779);