m6

Emergenza sfratti: nessuno deve rimanere in mezzo alla strada

Intervista pubblicata da Affaritaliani.

Senatore Franco Mirabelli, il governo ha deciso di non prorogare il blocco degli sfratti. Gli assessori alla casa delle grandi città sono insorti. Intanto a Milano l’emergenza abitativa è sempre più forte…
Vorrei fare una premessa. Il governo ha deciso di non prorogare il blocco degli sfratti che andava avanti dal 2007. Tuttavia questo blocco non riguardava tutti gli sfratti, ma solo la parte più debole degli affittuari. Questo deve essere chiaro: non venivano bloccati tutti gli sfratti, che in questi anni viceversa sono aumentati, ma solo quelli a carico delle fasce più deboli, gli over 65 a basso reddito o disabilità. Stiamo parlando di migliaia di famiglie.
Che adesso rischiano di essere sfrattate.
Esatto. Che adesso rischiano di essere sfrattate.
Quindi è contro il governo?
Non sono contro il governo. Il governo ha fatto una scelta legittima, nell’interesse degli inquilini e di chi affitta casa. Ma è giusto l’allarme degli assessori dei grandi comuni, per i quali il rischio di lasciare migliaia di persone in mezzo alla strada è concretissimo.

Tutta la legalità possibile

Intervento all'incontro "Tutta la legalità possibile"

Nel corso di questa iniziativa abbiamo sentito interventi di persone che sono impegnate, fanno esperienze concrete e ottengono dei risultati nella lotta per la legalità e contro la mafia.
In un Paese in cui troppo spesso continuiamo a dire che va tutto male, si conferma una situazione in cui – come dice anche Rosy Bindi – è vero che la mafia è molto forte ma qui si sono anche sapute dare risposte forti e anche l’antimafia ha saputo essere molto forte.
Abbiamo saputo dare risposte vere anche grazie al lavoro delle Commissioni Antimafia in questi 50 anni e le abbiamo sapute dare perché abbiamo costruito gli ambiti in cui studiare, capire, indagare e, sulla base di questo, elaborare proposte legislative.
La normativa sui beni confiscati, ad esempio, è frutto di un’intuizione: studiando le mafie si è capito che per colpirle bisognava colpire i patrimoni e si fece la scelta di espropriare, prima ancora della fine del primo grado del processo, e riutilizzare i beni di chi era accusato di associazione mafiosa.
Il tema è quindi capire, valutare e inseguire: la mafia, infatti, continua a cambiare e noi dobbiamo continuare ad adeguare i mezzi di contrasto.

Emergenza sfratti, Lupi venga in commissione al Senato

Il Pd ha avanzato la richiesta in Commissione Ambiente di poter ascoltare il Ministro Lupi sulla questione degli sfratti. Governo e Parlamento hanno già adottato misure di politica abitativa, ma serve tempo per vederne gli effetti.
La scelta del governo, nel recente decreto, di non prorogare ulteriormente l'esecuzione degli sfratti per finita locazione apre evidentemente un problema che riguarda decine di migliaia di famiglie che rischiano concretamente di perdere l'alloggio, restando senza alternative. Nella situazione attuale, senza interventi, l'esecuzione degli sfratti comporterebbe un ulteriore aggravamento dell'emergenza abitativa e lascerebbe ai comuni la gestione di una situazione socialmente insostenibile.
Le importanti misure adottate da Governo e Parlamento con la legge sull'emergenza abitativa, il rifinanziamento dei fondi per la morosità incolpevole e per il sostegno affitti hanno bisogno di tempo per produrre effetti e nella situazione attuale non consentirebbero di salvaguardare le famiglie più deboli di fronte agli sfratti. La proroga ulteriore di tutti gli sfratti per finita locazione può non essere la soluzione, ma è chiaro che servono interventi per tutelare le famiglie in questa condizione.