Viaggio nei quartieri ERP: San Siro

Articolo pubblicato da Nel Paese.

Così come mi ero impegnato a fare ho iniziato un giro di incontri nei quartieri delle periferie milanesi, che ho conosciuto e frequentato da consigliere regionale, per verificare le condizioni in cui continuano a vivere decine di migliaia di milanesi e capire come è possibile dare una mano dalle istituzioni per migliorare la situazione.
Ieri sono stato a trovare Lucia Guerri e il comitato di San Siro. Persone straordinarie, piene di idee, che dedicano con spirito di servizio tanto del loro tempo al proprio quartiere e lo fanno in una situazione difficilissima affrontando con coraggio anche situazioni non facili.
Mi hanno raccontato le tante cose fatte e ottenute con grande caparbietà: dalla riapertura del laboratorio di quartiere, alla prossima apertura di un servizio, fortemente voluto dal comitato, per i malati psichici a cui sono stati assegnati lì molti alloggi senza la necessaria rete di assistenza. E mi hanno raccontato il lavoro che stanno facendo i ragazzi del politecnico e la passeggiata nel quartiere che hanno organizzato portando tante persone giovani, bambini e anziani a visitare i rifugi antiaerei che sono stati conservati.
Mi hanno raccontato tante idee e tanti progetti.

Il Pd riparta da Milano

Articolo pubblicato su Huffington Post.

Negli anni in cui il Pd è stato al governo si sono fatte molte cose utili per il Paese e i cui risultati vedremo meglio anche più avanti. Gli elettori, però, alle urne si sono espressi e quel 18% che ha preso il Pd non credo significhi che i nostri elettori volevano che stessimo all'opposizione. Casomai quella percentuale ci dice che dobbiamo cambiare, che ci vuole discontinuità, che qualcosa non ha funzionato e che dobbiamo ragionare su ciò che non ha funzionato.
Si dice che molti elettori della sinistra oggi non si sentono più a casa nel Pd, in realtà non si sentono più a casa in nessun partito della sinistra in Europa e nel mondo, basta vedere i risultati dei partiti di sinistra in Europa.
Se pensiamo, quindi, di risolvere questa discussione pensando di uscirne solo decidendo se dobbiamo essere più o meno di sinistra, più o meno radicali non cogliamo un punto fondamentale: c'è una domanda di protezione prodotta dalla globalizzazione e dalla crisi a cui la sinistra non riesce a rispondere perché non ha l'alfabeto per definire una prospettiva, che rassicuri rispetto alle paure del futuro.

Ricominciamo. Dalle persone, da Milano, da un nuovo PD

Intervento svolto all'incontro "Ricominciamo. Dalle persone, da Milano, da un nuovo PD" (video).

Nei prossimi mesi dovremo discutere molto insieme.
Credo che negli anni in cui siamo stati al Governo abbiamo fatto molte cose utili per il Paese e i cui risultati vedremo meglio anche più avanti.
Gli elettori, però, alle urne si sono espressi e quel 18% che ha preso il PD non credo significhi che i nostri elettori volevano che stessimo all’opposizione. Casomai quella percentuale ci dice che dobbiamo cambiare, che ci vuole discontinuità, che qualcosa non ha funzionato e che dobbiamo ragionare su ciò che non ha funzionato.
Si dice che molti elettori della sinistra oggi non si sentono più a casa nel PD, in realtà non si sentono più a casa in nessun partito della sinistra in Europa e nel mondo, basta vedere i risultati dei partiti di sinistra in Europa.