m6

Il Ministro degli Interni garantisca la sicurezza ai cittadini

Intervento in Senato sulle vicende di Rozzano e Basiglio (video).

Intervengo per richiamare l’attenzione dell’Aula del Senato sui fatti che sono recentemente assurti agli onori delle cronache che sono avvenuti in provincia di Milano in questi giorni. In particolare, mi riferisco a due gravi fatti di sangue che hanno segnato le cronache: ci sono stati due omicidi in strada di due anziani, probabilmente non collegati tra di loro; due aggressioni armate di due persone che hanno sparato in mezzo alla gente.
Lo sottolineo perché non ho letto nessuna reazione da parte del Ministero degli Interni, che invece credo che debba dare attenzione ad una situazione inedita e preoccupante per quei territori, quali sono Rozzano e Basiglio, per quest'ultimo la situazione è ancora più inedita.
Credo che, se il Ministro degli Interni riuscisse a ritagliasse qualche minuto per concentrarsi sul proprio lavoro, invece che occuparsi di tutto lo scibile umano o delle elezioni che si susseguono in questo Paese, sarebbe utile.
Con la legittima difesa e la propaganda che si sta facendo su questo tema, si sta già facendo passare l’idea che lo Stato non è in grado di difendere le persone nella propria casa e, quindi, si dà il messaggio “difendetevi da soli”.

Diritti, contrattazione, equità: il caso Italtel

Intervento svolto all'incontro con i lavoratori dell'Italtel di Settimo Milanese (video).

Il contesto della vicenda dell’Italtel di Settimo Milanese è preoccupante.
I lavoratori, ad esempio, denunciano un tentativo di colpire il sindacato, non riconoscendone il ruolo e disintermediando. Questo tema non riguarda soltanto l’Italtel e non riguarda neanche soltanto i lavoratori o il sindacato. La sinistra, compresi noi del PD, su questo tema ha delle responsabilità: abbiamo accompagnato e assecondato l’idea che il rapporto diretto con il popolo fosse un valore mentre in realtà quello che si sta tentando di fare, non solo nei confronti del sindacato ma anche del Parlamento o della magistratura o di tutte le istituzioni intermedie, è di fare passare il messaggio che il rapporto è diretto tra il capo e il popolo, il capo fa ciò che vuole e tutto ciò che c’è in mezzo e che è garanzia di rappresentanza e pluralismo viene spazzato via.
Questa è una campagna molto complicata da contrastare.
Sono consapevole del fatto che in questo contesto suoni strano che in Senato il PD abbia votato contro la riduzione del numero dei parlamentari, allo stesso modo voteremo contro il referendum propositivo che prevede un quorum del 30%. Su tutto questo votiamo contro perché vi è insito il messaggio che anche il Parlamento non serve più e non ce n’è più bisogno.

Via Gola, il degrado, l’illegalità e la necessità di risanare

Articolo pubblicato da Nel Paese.

Via Gola non può certo essere, dal punto di vista geografico, definita come una “periferia”. Si trova nel cuore della zona dei Navigli, quella del divertimento serale, ricca di locali, a poche decine di metri da uno dei quartieri più “in” della città. Eppure la situazione di degrado e di abbandono in cui si trova il quartiere Aler è nota e proprio il contrasto con il resto della zona lo rende ancora più evidente.
Il degrado e l’abbandono spesso favoriscono il crearsi di una terra di nessuno, in cui le persone più fragili si sentono sole e impaurite e l’illegalità occupa tutti gli spazi. Il quartiere di via Gola ne è un esempio eclatante.
Dall’Alzaia del Naviglio Grande si gira a sinistra e si entra in via Gola, cento metri di strada pedonalizzata e cambia improvvisamente lo scenario: ai lati della strada vere e proprie discariche di oggetti accatastati di ogni tipo abbandonati da chi, per qualche soldo, sgombera cantine e appartamenti; davanti agli ingressi dei cortili interni delle case Aler stazionano persone che, come nei più tristemente noti quartieri dello spaccio, controllano chi arriva, controllano il territorio.