m6

l'Assemblea Nazionale del PD parli al Paese

L’Assemblea Nazionale del Partito Democratico deve parlare al Paese, presentare un PD unito che discute della sconfitta del 4 marzo ma soprattutto si prepara a fare opposizione al Governo dei populisti indicando sempre una prospettiva alternativa alla loro.
D’altra parte nelle discussioni di questi giorni fatico a trovare le motivazioni di una divisione.
Siamo tutti d’accordo che serva il congresso subito per rilanciare il progetto del PD e credo sia di buon senso pensare che, in una fase politica come questa in cui ancora un Governo non si è insediato, il PD abbia bisogno di un segretario che lo guidi per questi pochi mesi.
Maurizio Martina ha governato questa fase difficile con equilibrio e intelligenza, sarebbe difficile spiegare fuori di noi la ricerca di un’altra opzione visto il limite temporale che avrà questa segreteria.
Penso che dentro questo ragionamento ci siano tutte le condizioni per l’unita e per eventuali altre scelte a garanzia di tutti.


Ripartire da una politica che si occupi dell'interesse generale e non degli affari propri

L’articolo pubblicato da Il Mattino, come molti altri che parlano di nomine di Enti o Consorzi, racconta più di tanti discorsi una delle ragioni principali della vittoria dei 5 Stelle al Sud e della nostra sconfitta. Pone una questione che non può essere rimossa se vogliamo ripartire.
Quando passa l'idea che, nelle scelte, gli equilibri tra liste, partiti o correnti contano più della necessità di migliorare i servizi per i cittadini e quando sembra che il rapporto con un maggiorente conta di più della necessità di garantire al meglio l'interesse pubblico, non ci si può stupire se, soprattutto dove le persone hanno più bisogno e i problemi sono più gravi, si allarga la distanza tra cittadini e istituzioni, se si alimentano protesta e rabbia, il combustibile che alimenta i populismi.
Il PD, la ricostruzione del PD deve partire anche da qui, dalla rottura di queste logiche, dalla capacità di interpretare con nettezza e senza ambiguità una politica che si occupa dell'interesse generale e non degli affari propri.

Viaggio nei quartieri ERP: San Siro

Articolo pubblicato da Nel Paese.

Così come mi ero impegnato a fare ho iniziato un giro di incontri nei quartieri delle periferie milanesi, che ho conosciuto e frequentato da consigliere regionale, per verificare le condizioni in cui continuano a vivere decine di migliaia di milanesi e capire come è possibile dare una mano dalle istituzioni per migliorare la situazione.
Ieri sono stato a trovare Lucia Guerri e il comitato di San Siro. Persone straordinarie, piene di idee, che dedicano con spirito di servizio tanto del loro tempo al proprio quartiere e lo fanno in una situazione difficilissima affrontando con coraggio anche situazioni non facili.
Mi hanno raccontato le tante cose fatte e ottenute con grande caparbietà: dalla riapertura del laboratorio di quartiere, alla prossima apertura di un servizio, fortemente voluto dal comitato, per i malati psichici a cui sono stati assegnati lì molti alloggi senza la necessaria rete di assistenza. E mi hanno raccontato il lavoro che stanno facendo i ragazzi del politecnico e la passeggiata nel quartiere che hanno organizzato portando tante persone giovani, bambini e anziani a visitare i rifugi antiaerei che sono stati conservati.
Mi hanno raccontato tante idee e tanti progetti.